/ Attualità

In Breve

Attualità | 29 novembre 2018, 11:23

Ventimiglia: domani all’area archeologica di Nervia l’Open Day alla scoperta delle Terme di Albintimilium

Visite guidate al sito nella giornata di domani, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 17; a seguire, dalle 17 alle 18, presso l’attiguo Antiquarium del Nervia, si terrà una relazione sull’attività svolta a conclusione della prima campagna di scavo.

Ventimiglia: domani all’area archeologica di Nervia l’Open Day alla scoperta delle Terme di Albintimilium

Il 5 novembre ha preso avvio la prima campagna di scavi presso l’area delle terme romane di Albintimilium promossa dall’Università degli Studi di Torino. Il progetto di scavo stratigrafico del sito, condotto in regime di concessione ministeriale, si inserisce all’interno di un programma di revisione generale dei dati relativi al complesso termale e alla sua area circostante. Tale studio, diretto dal Prof. Paolo de Vingo, è stato avviato nel 2016 dalla Cattedra di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona e con il Polo Museale della Liguria.

Il sito, scavato da Nino Lamboglia durante gli anni ’50 e ’60, manca a oggi di una revisione completa dei dati di scavo e di un’analisi esaustiva dei materiali che segua le moderne acquisizioni metodologiche. Lo studio di questo importante contesto archeologico ligure, si prefigge in generale, a distanza di diversi decenni dalla conclusione delle indagini sul campo, di riconsiderare l'insieme delle evidenze indagate alla luce del panorama offerto dalle ricerche degli ultimi anni; il progetto si propone inoltre di meglio definire le strutture tardoantiche presenti nell’area, il ruolo di Albintimilium in questa fase e più in generale lo scenario del popolamento costiero al tramonto dell'impero romano.

L’équipe di scavo, composta da studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale dell’Ateneo torinese, sotto la direzione tecnica del Prof. Giorgio Baratti (docente UniMi di Metodologia della Ricerca Archeologica e docente UniTo e UniCatt di Etruscologia) e con il coordinamento sul campo delle dott.sse Ilaria Sanmartino e Martina Sciortino, offrirà visite guidate al sito nella giornata di domani, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 17; a seguire, dalle 17 alle 18, presso l’attiguo Antiquarium del Nervia, si terrà una relazione sull’attività svolta a conclusione della prima campagna di scavo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium