/ CRONACA

CRONACA | martedì 20 novembre 2018, 19:05

Sanremo: tentato suicidio in zona Borgo Tinasso, soccorsi difficili stasera per il solito parcheggio selvaggio, le proteste

Una situazione che si ripete ciclicamente per la totale 'anarchia' in cui vive il quartiere, dove il parcheggio 'selvaggio' è all'ordine del giorno.

La zona 'incriminata'

La zona 'incriminata'

Un soccorso ad una persona che si è sentita male in casa ha nuovamente messo in evidenza una situazione che, da tempo, si ripresenta giornalmente nella zona all’incrocio tra via Galilei, via Martiri e strada Borgo Tinasso a Sanremo, dove da sempre regna incontrastato il parcheggio ‘selvaggio’.

Questa sera, infatti, il personale medico del 118, un’ambulanza della Croce Rossa ed i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per un soccorso (un tentato suicidio) e, come sempre, hanno trovato una situazione incresciosa, per le auto parcheggiate (come avviene sempre), di fronte a farmacia, bar, supermercato e, ovviamente, lungo tutta strada Borgo Tinasso, in totale divieto.

I mezzi di soccorso hanno avuto gravi difficoltà per eseguire l’intervento mentre il traffico è rimasto totalmente paralizzato. Il tutto con chi aveva parcheggiato in divieto che ovviamente non ha spostato nessun mezzo, compresi alcuni commercianti della zona che regolarmente lasciano auto e scooter dove non sarebbe possibile.

Quanto accaduto questa sera conferma l’assoluta necessità di un intervento sia a livello viario che sanzionatorio, visto che l’intera zona è regolarmente presa d’assalto da auto e moto in divieto che creano gravi pericoli alla circolazione, ad auto moto e pedoni. Questi ultimi, tra l’altro, costretti a camminare in mezzo alla strada, se devono percorrere strada Borgo Tinasso, ridotta ad un parcheggio su una corsia, costringendo a ‘gimkane’ pericolose sull’altra.

Questa sera il paziente è stato portato in ospedale in codice ‘giallo’ di media gravità ma, quanto accaduto, ha nuovamente posto l’accento sulla pericolosità della zona e sulla totale ‘anarchia’ di chi parcheggia. 

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore