/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 20 novembre 2018, 09:05

Ventimiglia: 'Chef per un giorno', ieri la 4a della Primaria di Nervia al progetto 'Dall'orto al piatto'

Punto di forza del progetto e dei giovani ristoratori coinvolti è la filosofia del chilometro zero e di una cucina sostenibile, che strizza l’occhio alla tradizione, ma in un’ottica innovativa, moderna e di qualità.

Ventimiglia: 'Chef per un giorno', ieri la 4a della Primaria di Nervia al progetto 'Dall'orto al piatto'

Gli alunni di quarta della Scuola Primaria di Nervia (Istituto comprensivo 2 “Cavour” di Ventimiglia), si sono recati ieri al Ristorante ‘Giardino del gusto’ della città di frontiera per un’attività laboratoriale, nell’ambito del Progetto ‘Dall’orto al piatto’, un’iniziativa che intende promuovere, in collaborazione con l’Associazione Spes, l’apertura al territorio, attraverso la valorizzazione delle sue tipicità e la sinergia con i ragazzi diversamente abili che operano in tale realtà.

Punto di forza del progetto e dei giovani ristoratori coinvolti è la filosofia del chilometro zero e di una cucina sostenibile, che strizza l’occhio alla tradizione, ma in un’ottica innovativa, moderna e di qualità. In un’atmosfera rilassante ed accogliente, gli alunni, le insegnanti e i giovani ristoratori Emanuele e Matteo hanno cucinato insieme una splendida zucca mantovana, offerta dall’Associazione Spes, che, con cioccolato e pochi altri ingredienti, si è trasformata in un delizioso dessert novembrino. Oltre ad esso, i giovani pasticcieri in erba si sono cimentati a turno nella creazione di soffici meringhe, prendendo confidenza con attrezzi del mestiere, come planetarie, spatole, fruste, sac à poche, stampini.

Gli alunni coinvolti hanno così potuto conoscere una giovane realtà della ristorazione ventimigliese, presidio Slow food, che ha aperto loro le porte, nel giorno di chiusura, consapevole dell’importanza di educare ad un’alimentazione corretta e sostenibile. Il Giardino del gusto, che fa parte del circuito JRE, Jeunes restaurateurs, aggiunge così il suo personale contributo alla promozione dei prodotti locali e della loro storia.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium