/ Eventi

Eventi | 19 novembre 2018, 07:11

Verso Sanremo Giovani: Biancheri commenta la coppia Baudo-Rovazzi e guarda al futuro “Il sogno è un’accademia stabile in città” (Video)

Conto alla rovescia per la ‘prima’ del format creato dalla Rai per dare la giusta visibilità ai talenti emergenti.

Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo

Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo

L’ufficialità della strana coppia Pippo Baudo - Fabio Rovazzi ha fatto scattare il conto alla rovescia per la prima edizione di Sanremo Giovani, il format indetto dalla Rai per dare il giusto spazio ai nuovi talenti. Addio alla categoria ‘Giovani’ del Festival, quest’anno la kermesse di febbraio vedrà un solo gruppo di cantanti in gara. Motivo per il quale serviva un contenitore dedicato. Ed ecco l’idea delle due serate in diretta su rai 1 il 20 e il 21 dicembre.

Abbiamo quindi chiesto un commento al sindaco Alberto Biancheri, sempre molto vicino al direttore artistico Claudio Baglioni nelle scelte per il futuro del Festival. “È la dimostrazione di quanto la Rai e Baglioni credano in questo nuovo format - ha commentato Biancheri ai nostri microfoni - è un piacere per me rivedere sul palco Pippo Baudo insieme a Fabio Rovazzi che è un personaggio diverso ma che ci sta bene, una bella accoppiata tra l’esperienza, la storia del nostro Festival e il futuro, i giovani. È una scelta coraggiosa e diversa rispetto al passato, sarà una trasmissione importante per dare più spazio ai nostri giovani che prima avevano una platea importante come il Festival, ma solo per pochi minuti”.

Ma cosa c’è nel futuro del Festival e di Area Sanremo? “Il sogno è quello di creare un’accademia della musica che sia stabile nella quale i giovani posso rimanere per diversi mesi per poi partecipare a Sanremo Giovani” ha concluso il primo cittadino.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium