/ Politica

Politica | 16 novembre 2018, 17:18

Spedizione sanremese a Catania per la riunione del ‘Coordinamento Nazionale per la Difesa della Giustizia di Prossimità’. Pireri: “Chiederemo un incontro con il Ministro Bonafede”

Si lavora per un clamoroso ritorno del tribunale a Sanremo. Presente il vice sindaco Costanza Pireri

Costanza Pireri, vice sindaco di Sanremo

Costanza Pireri, vice sindaco di Sanremo

Dopo anni di silenzio si aprono nuovi spiragli per l’eventuale clamoroso ritorno del tribunale a Sanremo. Il Comune matuziano ha scelto di aderire nelle scorse settimane al ‘Coordinamento Nazionale per la Difesa della Giustizia di Prossimità’ e oggi a Catania era in programma una nuova riunione. Per il Comune di Sanremo ha presenziato il vice sindaco Costanza Pireri insieme all’avvocato Vincenzo Icardi a nome del comitato per la riapertura del tribunale sanremese.

All'evento svoltosi al centro ‘Le ciminiere’ di Catania hanno preso parte i sindaci e i rappresentanti di circa una trentina di Comuni che, come Sanremo, hanno dovuto subire la chiusura dei tribunali, oltre a parlamentari e addetti ai lavori.

È stato un incontro particolarmente interessante - ha dichiarato ai nostri microfoni il vice sindaco Pireri al termine della riunione - al termine si è deliberato di insistere per un incontro con il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per discutere con lui dell’attuale situazione e chiedere l’attuazione dell’articolo 12 dell’attuale contratto di governo. Sia io che l’avvocato Icardi abbiamo manifestato tutte le problematiche di Sanremo e la necessità di riavere un tribunale per via della vicinanza con la frontiera, della presenza del carcere e della popolazione presente sul territorio. La riapertura sarebbe molto importante”.

Intanto in questi giorni a Sanremo si stanno valutando le possibili ipotesi di collocamento del tribunale in caso di un clamoroso ritorno. Il sindaco Alberto Biancheri ha ventilato l’ipotesi di valle Armea per via della sua posizione strategica e della vicinanza del carcere. Mercato dei Fiori ed ex Macello sono due soluzione possibili, ma la più gradita sembra essere la sede di Amaie dove già è ospitato l’archivio dell’ex tribunale matuziano.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium