/ Politica

Politica | 15 novembre 2018, 18:11

Bordighera riavrà il ponte che collegava due grandi scogli a Sant’Ampelio, Ingenito “C’è stato un sopralluogo della Soprintendenza, sarà ricostruito esattamente come prima”

Il figli di Renato Garzoglio, Marco e Luisella, che costruì il ponte alla fine del 1957, avevano espresso la volontà di contribuire alla costruzione di quest’ultimo proprio in memoria e in ricordo del padre recentemente scomparso.

Bordighera riavrà il ponte che collegava due grandi scogli a Sant’Ampelio, Ingenito “C’è stato un sopralluogo della Soprintendenza, sarà ricostruito esattamente come prima”

“Il ponte di Sant’Ampelio sarà ricostruito e sarà esattamente come prima.” A dirlo è il Sindaco di Bordighera Vittorio Ingenito in merito al ponte che la mareggiata, nei giorni scorsi, ha portato via alla città delle palme. Un simbolo su cui sono salite molte coppie della provincia proprio nel giorno del loro matrimonio. 

“Occorre attendere il progetto - continua Ingenito - l’Ufficio si sta adoperando per l’affidamento dell’incarico, è una pratica alla quale ho cercato di dare massima priorità. Per questo progetto abbiamo ascoltato la Soprintendenzam, l’architetto Bottaro ha dato dei suggerimenti sulla presentazione del progetto, che dovrà riprendere in maniera identica il manufatto crollato con la mareggiata.”

Il figli di Renato Garzoglio, Marco e Luisella, che costruì il ponte alla fine del 1957, avevano espresso la volontà di contribuire alla costruzione di quest’ultimo proprio in memoria e in ricordo del padre recentemente scomparso. Una decisione maturata anche a seguito del grande affetto espresso dai bordigotti e dai molti segnali di attaccamento a quella semplice struttura che per molti aveva davvero un grande valore affettivo. 

“Sarà realizzato con lo stesso materiale - continua il primo cittadino - proprio per non apportare alcune modifiche a quello che è stato in tutti questi anni, così sarà anche per le scale che dalla chiesa che scendono verso gli scogli. Solo quando si avranno il progetto e il parere della Soprintendenza, allora, potranno partire i lavori. Ben venga il se desiderio e il contributo per la ricostruzione del ponte deriva da parte di terzi, saranno sicuramente accolti favorevolmente dalla nostra Amministrazione.” 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium