/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 08 novembre 2018, 11:50

Bordighera e i rischi naturali: all’ex Chiesa Anglicana il convegno sul piano comunale di autoprotezione, Ingenito “I cittadini devono essere informati” (Foto e Video)

"Bisogna essere consapevoli di tutte le azioni che vengono poste in essere dall’Amministrazione comunale - ha detto il Sindaco Ingenito - e i cittadini devono essere informati naturalmente su come devono comportarsi in caso di rischi, alluvioni, mareggiati e terremoti.”

Bordighera e i rischi naturali: all’ex Chiesa Anglicana il convegno sul piano comunale di autoprotezione, Ingenito “I cittadini devono essere informati” (Foto e Video)

“Mai come oggi è così importante parlare di quanto sia necessario parlare di tutela del territorio, protezione civile e tutela dei cittadini.” A dirlo è il Sindaco di Bordighera Vittorio Ingenito che quest’oggi ha preso parte ai lavori del convegno organizzato presso l’ex Chiesa Anglicana dal titolo “Bordighera e i rischi naturali”. 

Sono stati invitati tutti i Sindaci del Comprensorio Intemelio, facenti parte dei Centri Operativi Misti (C.O.M.) 1 Ventimiglia, 2 Camporosso, 3 Bordighera, 4 Sanremo, 5 Taggia e 6 Imperia, le Autorità Civili e Militari e tutte le componenti di Protezione Civile della provincia di Imperia. Il convegno si è aperto con un messaggio di saluto dell’Assessore Regionale Giacomo Giampedrone che purtroppo non ha potuto prendervi parte per altri impegni istituzionali. 

Bisogna essere consapevoli di tutte le azioni che vengono poste in essere dall’Amministrazione comunale - ha detto il Sindaco Ingenito - e i cittadini devono essere informati naturalmente su come devono comportarsi in caso di rischi, alluvioni, mareggiati e terremoti.” 

Mai come oggi un convegno sui rischi naturali è stato così importante per il comune di Bordighera, soprattutto a seguito della violenta mareggiata che ha colpito la città delle palme nei giorni scorsi: “Ha creato dei grossi danni - spiega - partendo dal campo da calcio che è stato completamente distrutto e non potrà essere ripristinato. Dovremmo chiedere inoltre risarcimenti per il porto di Bordighera, ricostruire il pontino, le scale d’accesso agli scogli, nonché altri interventi alla protezione dei moli e dei sottopassi, una stima importante che domani farò presente al Presidente Toti quando lo incontrerò".

(Le foto sono di Eugenio Conte)

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore