/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | giovedì 08 novembre 2018, 12:34

Triora: divelto dissuasore che impediva l'accesso ai mezzi nel centro storico, "Atto vandalico di chi era contrario all'installazione"

Un'amara sorpresa per l'amministrazione comunale del sindaco Massimo Di Fazio che ad agosto aveva proceduto all'installazione del blocco su input di residenti e turisti.

Triora: divelto dissuasore che impediva l'accesso ai mezzi nel centro storico, "Atto vandalico di chi era contrario all'installazione"

A Triora qualcuno non ha tollerato l'installazione di un dissuasore che impediva l'accesso ai mezzi nel centro storico. Infatti, tra sabato e domenica, qualcuno ha danneggiato il palo presumibilmente per poter entrare con un'autovettura nel cuore del borgo delle streghe.

Un'amara sorpresa per l'amministrazione comunale del sindaco Massimo Di Fazio che ad agosto aveva proceduto all'installazione del blocco su input di residenti e turisti. Grazie al posizionamento del dissuasore era stato messo un freno a chi puntualmente era solito percorrere i carruggi del centro storico con qualsiasi tipo di mezzo, arrecando disagi e mettendo a rischio l'incolumità dei pedoni e creando degrado nel paesino. 

"L’installazione era stata presa favorevolmente dalla maggioranza dei cittadini e con riluttanza da chi usufruiva della condotta irrispettosa. - commentano amaramente dall'amministrazione comunale - Quanto accaduto ci fa credere che possa trattarsi di un'azione vandalica, contro la decisione di far rispettare un divieto di transito ai mezzi, già presente ma spesso ignorato da qualche furbetto. Il buon senso e l'educazione ci porta a pensare che se qualche abitante l'avesse divelto in seguito ad una manovra o per un incidente, avrebbe quantomeno avvisato gli uffici comunali per segnalare l'accaduto e procedere al ripristino. Le decisioni anche se impopolari vadano discusse con un confronto civile ed educato negli uffici di competenza e non danneggiando gli arredi comunali o altro".

Stefano Michero

"L'Europa che c'è. L'Europa che verrà."

Il dibattito in diretta sul nostro quotidiano. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore