/ Attualità

Attualità | 14 ottobre 2018, 07:49

Dopo l'incendio al demolitore Taggia 'riscopre' l'Alert System, in una settimana oltre 300 iscrizioni effettuate presso lo Sportello Ascolto in Comune

Il nuovo sistema di attivazione presso lo Sportello Ascolto in Municipio sta dando ottimi risultati.

Dopo l'incendio al demolitore Taggia 'riscopre' l'Alert System, in una settimana oltre 300 iscrizioni effettuate presso lo Sportello Ascolto in Comune

La popolazione di Taggia ha riscoperto il sistema Alert System, con oltre 300 nuove iscrizioni al sistema. Un risultato raggiunto in appena una settimana dall'attivazione della possibilità di adesione presso lo Sportello Ascolto del Comune. Questo improvviso aumento di interesse sarebbe dovuto in parte alla preoccupazione diffusasi tra la popolazione dopo l’incendio avvenuto presso il demolitore di regione Licheo e la conseguente emergenza sull’acqua potabile.

Gli abitanti del borgo hanno manifestato una vera e propria ‘fame’ di informazioni. Il Comune ha attivato tutti i canali a disposizione per fornire un quadro aggiornato e costante sull’evoluzione della situazione ed in questo contesto sono stati molti i residenti a lamentare delle difficoltà d’approccio con l’iscrizione all’Alert System. Il sindaco Mario Conio preso atto delle criticità manifestate ha deciso di ampliare i canali comunicativi.

L’iscrizione al sistema di allerta telefonico comunale attraverso lo Sportello Ascolto sta dando ottimi risultati. Un servizio gestito dallo staff del primo cittadino che si fa carico delle richieste di iscrizione all’Alert System. Dal 5 ottobre sono state tantissime le persone che si sono recate in municipio per chiedere l’iscrizione per loro o magari per i propri cari. Infatti sono spesso le persone più anziane ad avere avuto difficoltà a perfezionare la procedura di autenticazione ed iscrizione telematica.

Le oltre 320 iscrizioni degli ultimi giorni rappresentano una riscoperta del sistema attivo su questo Comune dal 2013, su intuizione dell’allora assessore Luca Napoli. Un’eredità preziosa che l’amministrazione comunale Conio non è intenzionata a mandare in pensione ma a migliorare e mantenere pienamente operativa e funzionale in tandem con tutti gli altri canali comunicativi.  

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium