/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | venerdì 12 ottobre 2018, 10:00

La 'Biancheri Creazioni' fra storia, innovazione, intuizioni e fiori dedicati ai bimbi del Gaslini

"Devo molto a mio papà che mi ha sempre supportato e devo tutto alle persone che lavorano con me. Dopo inizi e momenti difficili, la nostra rivincita è stata l'aver puntato su due tipi di fiori prima sconosciuti ed ora richiesti come prodotto primario"

La 'Biancheri Creazioni' fra storia, innovazione, intuizioni e fiori dedicati ai bimbi del Gaslini

La Riviera di Ponente è sempre stata celebre nel mondo per il clima, la sua scenografia naturale e i fiori. A fine '800, agli arbori dello sviluppo florovivaistico della zona, la famiglia Biancheri si distinse rispetto ad altre aziende per il metodo innovativo con cui decise i operare: dalla coltivazione delle rose, al trattamento dei suoi petali e alla produzione di essenze profumate. L'intuizione di famiglia è stata tramandata da padre in figlio e la 'Biancheri Creazioni', guidata da Alberto, non ha interrotto quel flusso innovativo e all'avanguardia che ha caratterizzato la sua storia aziendale.

Oggi la ‘Biancheri Creazioni’ è un’ azienda leader di ibridazione, selezione e distribuitone di nuove varietà di ranuncolo e anemone, nota a tutti. Ma come si dice, considerato il contesto: “non esistono le altezze, senza le basi” e anche gli inizi di un'azienda oggi fra le principali nel suo settore, sono stati umili ma coraggiosi, portando ad un percorso ricco di soddisfazioni, come ci racconta Alberto Biancheri:


La storia della mia azienda nasce nella prima metà degli anni '80, con al suo attivo un dipendente ed una signora a contratto part time. Abbiamo iniziato controcorrente, con una serra di 2000 metri quadri, un mercato di 250 mila bulbi e puntando su due varietà all'epoca poco conosciuti, in un contesto dove il garofano e la rosa la facevano da padrone. Ogg per la 'Biancheri Creazioni’ lavorano oltre 70 persone, e i bulbi sono diventati 25 milioni, esportati in tutto il mondo. Il cammino dell'azienda è stato per me importantissimo, è cresciuto assieme a me e ai miei collaboratori che da Sanremo, hanno ampliato il mercato al sud della Francia, in Israele, Cina, Colombia, professionalmente e con grandi soddisfazioni. Devo molto a mio papà che mi ha sempre supportato e devo tutto alle persone che lavorano con me. Dopo inizi e momenti difficili, la nostra rivincita è stata l'aver puntato su due tipi di fiori prima sconosciuti ed ora richiesti come prodotto primario da mercati di tutto il mondo”.

La ‘Biancheri Creazioni’ è un'azienda complessa, considerando che la sua filiera coinvolge l'ibridazione, la ricerca, la parte amministrativa, la coltivazione, la vendita e i rapporti con l'estero. Una produzione che nasce a Camporosso nelle serre e nei laboratori di ricerca, prosegue in Sicilia con la selezione dei bulbi migliori e ritorna a casa con un prodotto perfetto e ricercato da compratori in oltre 30 Paesi.

La ‘Biancheri Creazioni’ è anche allo stesso tempo un'azienda semplice, nel senso puro del termine, se si pensa che la stessa attenzione e sensibilità che viene impiegata per creare un solo fiore, gioiello di natura ed ingegno, viene unito alla sensibilità e al rispetto di chi da quei fiori possa trarne un sorriso. Se l'azienda di Biancheri è nota a tutti, sono in pochi forse a conoscere una storia molto particolare che Alberto e i suoi collaboratori hanno voluto regalare ai bambini del Gaslini.

Alcuni anni fa alla ‘Biancheri Creazioni’ alcune prove genetiche fatte nei laboratori portarono ad una qualità di ranuncolo subito denominata simpaticamente “Pon-Pon”, per la particolare forma arrotondata che richiamava alla memoria i ponpon di lana dei bambini. Quando poco dopo l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Liguria chiese di creare un fiore per l'Istituto Giannina Gaslini di Genova, il “Pon-Pon” divenne il nuovo fiore dei bambini, con una dedica virtuale in cui ad ogni varietà venne associato il nome di un cartone animato: Hermione, Aurora, Mignon, Silente, Trilly....L'ingegno della ‘Biancheri Creazioni’ si è unito al nome di uno degli ospedali più rinomati per la cura dei bambini, regalandogli un fiore speciale e per i successivi 5 anni, una parte degli introiti ricavati dalla sua stessa produzione.

E' il caso di dire che si raccoglie quello che si semina e nel caso della ‘Biancheri Creazioni’, anche di quello che che si crea con fantasia, ingegno e tanta intuizione.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore