/ Eventi

Eventi | 10 ottobre 2018, 07:11

Sanremo: sabato e domenica prossimi gli appuntamenti ufficiali per la festa patronale di San Romolo

Sabato mattina a San Siro la Santa Messa solenne e, nel pomeriggio al Casinò l'attribuzione dei 'Premi San Romolo'. Domenica la 'Fiera d'Ottobre' ed il 'Concerto'

Sanremo: sabato e domenica prossimi gli appuntamenti ufficiali per la festa patronale di San Romolo

Sono stati confermati tutti gli appuntamenti per la festa patronale di San Romolo a Sanremo. Dopo la Santa Messa di domenica scora alla ‘Bauma’ di San Romolo, venerdì sera al Teatro Ariston (ingresso libero), la Compagnia Stabile presenterà la commedia in dialetto ‘Aria de Festival’, in tre atti.

Sabato si celebrerà la tradizionale festa patronale (in collaborazione con la Famija Sanremasca): alle 10.30, presso la Concattedrale di San Siro, è prevista la solenne concelebrazione presieduta da Mons. Antonio Suetta, Vescovo di Ventimiglia-Sanremo. Alle 16, al Teatro del Casinò Municipale, la presentazione del libro di Giancarlo Rilla, "Verezzo - Storie di santi, di codici e di cavagni" e l’attribuzione dei Premi San Romolo. Prevista anche la proclamazione del ‘Cittadino Benemerito’ ed il conferimento del titolo ‘Amico di Sanremo’.

Domenica, per tutta la giornata, è prevista la tradizionale ‘Fiera d’ottobre’ in piazza Eroi Sanremesi e, alle 16.30 al Teatro dell’Opera del Casinò, l’8° ‘Concerto di San Romolo’, a cura del circolo Ligustico. Infine, mercoledì 31 ottobre alle 18.15, verrà celebrata alla Concattedrale di San Siro, la Messa in suffragio dei defunti della Famija Sanremasca e di tutta la città.

Nei giorni scorsi, come anticipato dal nostro giornale, sono stati ufficializzati, dalla Giunta comunale di Sanremo, i nomi dei premiati al prossimo ‘Premio San Romolo’, individuati, come ogni anno in occasione dei festeggiamenti patronali, dalla Famija Sanremasca e dal Comune.

Il titolo di ‘Cittadini benemeriti 2018’ va ai coniugi Elsa Ausenda e Marco Renato Carlo. Si sono sposati nel 1950. Un'unione felice, velata dal rammarico di non aver avuto figli. Hanno gestito con successo un'armeria in via Roma, introducendo negli anni '60 la vendita di articoli sportivi, ed hanno gestito il Tiro a segno ed il Tiro a volo. Senza eredi decidono di mostrare riconoscenza alla città per la raggiunta agiatezza. In più di un 'occasione hanno risposto alla richiesta di aiuto che da diverse parti a loro giungevano. Dopo la scomparsa del marito, la signora Elsa ha donato alla LILT alcuni immobili per farne un centro di assistenza. Attuando un desiderio espresso dal consorte, alpino, prigioniero di guerra in un lager tedesco, il 2 giugno scorso ha donato alla città, nello stesso modello, il grandioso monumento ai Caduti demolito nel 1942 per recuperarne il metallo. Cittadini esemplari per dedizione al lavoro, amore per il prossimo, la città e la Patria.

Il premio San Romolo per l'imprenditoria andrà ai F.lli Piero ed Enzo Fogliarini: arredamenti Fogliarini è un'azienda a gestione familiare che può dirsi inizi sin dagli anni '30 del '900 con Filippo Fogliarmi, falegname. I figli Piero ed Enzo trasformano l'attività artigianale in commerciale. In oltre 50 anni di laborioso impegno si affermano, nel Ponente ligure e nella Costa Azzurra, per i più prestigiosi marchi trattati, esposti in uno showroom di 2800 mq. su tre livelli in Perinaldo, associando, negli anni, all'impresa i loro figli. Negli anni '90 affiancano in Sanremo due punti vendita: Famaggiorelab in via Roma, con le sue oltre 20 vetrine, un punto di riferimento per l'arredo, in linea con le nuove tendenze ed il più ricercato design, e Famaggiorechef in via Carli per le cucine di casa e professionali.

Il premio per la cultura va ad Alberto Guglielmi Manzoni: nato a Sanremo, laureato in Filosofia all'Università di Pisa con il massimo dei voti e borsa di studio in Germania, svolge attività di orientatore presso il Centro per l'Impiego di Sanremo. E' ricercatore di storia, scrittore e conferenziere, traduttore dal tedesco di saggi. E' autore dei volumi: Ugo Janni a Sanremo (2007), Pace e pericolo atomico - Le lettere tra Albert Schweitzer e Albert Einstein (2011), Stranieri nel Ponente Ligure (2011), Tedeschi in Riviera-La Sanremo di Federico III (2015), Giovanni Semeria. Da Coldirodi all'Italia: un'inesauribile testimonianza di fede(2018). E ' coautore di: Il Viaggio In Riviera. Presenze straniere nel Ponente Ligure dal XVI al XX secolo (2015) e I Premi Nobel messaggeri di pace (2006).

Il premio per lo sport andrà a Daniele Moraglia: nato a Sanremo, laureato in Scienze Motorie e dello Sport presso l'Università Cattolica di Milano nel 2007 e in Management dello Sport presso l'Università del Foro Italico di Roma nel 2011, è direttore delle vendite di due importanti aziende di articoli sportivi. Dal 2004 presidente della Riviera Triathlon 1992 e del Comitato Sanremo Marathón, ha organizzato in tali vesti oltre 25 eventi tra i quali 4 Campionati Italiani e 2 premium European Cup della specialità. Dal 2005 cura l'organizzazione di corsi per l'avviamento al triathlon di giovani alcuni dei quali sono oggi atleti di livello nazionale e internazionale. Per anni consigliere della Federazione Italiana Triathlon e presidente del Comitato Regionale, è stato insignito dal CONI nazionale della Stella di Bronzo e dal CONI Liguria dell'Oscar dello Sport.

Per l’attività sociale a Paolo Alberti: nato a Rezzo, ha frequentato all'estero corsi per l'apprendimento della lingua (francese, inglese, tedesco, spagnolo), è amministratore della Kismet srl con sede in Sanremo che si occupa di soggiorni linguistici e culturali in Italia e ali 'estero per studenti ed adiriti. Ideatore e presidente del GEF-Global Education Festival, il più importante evento nazionale della creatività nel mondo della scuola, di SanremoJunior, concorso canoro per ragazzi e di GlOCOsanremo, dedicato ai giochi della mente. Ideatore di concorsi, manifestazioni e mostre nei settori della musica, dello sport, dell 'infanzia, dei giovani e della scuola. E' Cavaliere Ufficiale dell 'Ordine al Merito della Repubblica e Messaggero di pace UNICEF.

La targa d’onore ‘Amico di Sanremo’ va all’Ammiraglio Giovanni Pettorino: è Comandante Generale della Guardia Costiera. Nato a Roma, è laureato in Scienze Politiche presso l'università "La Sapienza" di Roma. Ha frequentato il corso a nomina diretta presso l'Accademia Navale di Livorno nel 1981. Nel 1988 ha conseguito la specializzazione in "Diritto internazionale marittimo" presso la IIa Università degli Studi di Roma. Nel 1989 1990 è stato Capo dell'ufficio circondariale marittimo e Comandante del porto di Sanremo; successivamente è stato trasferito a Roma presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Nel 1991/1992 ha partecipato, con il 22° Gruppo Navale, alla prima missione in Albania. Nel 1999 2001 è stato Capo del Compartimento marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro. Dal 10 febbraio 2001 al 18 ottobre 2004 è stato destinato presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto dove ha rivestito gli incarichi di Capo Ufficio Servizi d'Istituto e di Ufficiale superiore addetto ai rapporti con il Parlamento. Nel 2005/2007 è stato Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto di La Spezia, poi del porto di Ancona. Dal 3 ottobre 2015 ha assunto l'incarico di Direttore Marittimo della Liguria e Comandante del porto di Genova e di Commissario Straordinario dell'Autorità Portuale di Genova. Con Decreto del Presidente della Repubblica, a decorrere dal 10 febbraio 2018 è Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto con contestuale conferimento del grado di Ammiraglio Ispettore Capo. E' insignito dell'onorificenza di Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, della medaglia Mauriziana, della Croce d'oro per anzianità di servizio militare.

(Nella gallery le foto della Santa Messa e delle premiazioni dello scorso anno)

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium