/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 22 settembre 2018, 09:25

Cresce l'autoriparazione in Liguria, le 2300 imprese del settore sono cresciute dello 0,7%

"La categoria tiene duro in un mercato difficile, formazione indispensabile"

Cresce l'autoriparazione in Liguria, le 2300 imprese del settore sono cresciute dello 0,7%

Autoriparazione, settore in crescita in Liguria. “Tiene” l'artigianato
Dinamica positiva dello 0,7% per la filiera della manutenzione e
riparazione di autoveicoli in Liguria. Quasi l'80% è rappresentato da
microimprese artigiane, in lieve calo nell'ultimo anno (-0,5%). Pace
(Confartigianato Carrozzieri): «La categoria tiene duro in un mercato
difficile, formazione indispensabile»

L'autoriparazione ligure cresce al ritmo più sostenuto di tutta Italia.
Nel secondo trimestre dell'anno le 2.300 imprese del settore sono
aumentate dello 0,7% rispetto allo stesso periodo del 2017 (quando se ne
registravano 2.284) e rappresentano il 2,7% dell'intera filiera italiana
(costituita da 92.809 realtà, in calo di mezzo punto percentuale). I dati
(fonte Unioncamere-Infocamere) emergono da un'elaborazione
dell'Osservatorio Mpi Confartigianato Lombardia. Oltre alla Liguria, le
uniche regioni a registrare una crescita nell'ultimo anno sono Lazio
(+0,4%), Sardegna e Calabria, pressoché invariate (intorno al +0,1%).

Se è vero che il trend della filiera è positivo nel suo complesso, lo
stesso non si può dire dell'autoriparazione artigiana, che rappresenta
quasi l'80% dell'intero settore: a fronte di un -1,3% nazionale, la
Liguria riesce comunque a reggere, “limitandosi” a un calo dello 0,5%, al
terzo posto dietro Molise e Campania (-0,4%). Nella nostra regione le
micro e piccole imprese artigiane di manutenzione e riparazione di veicoli
sono 1.810 (erano 1.820 un anno fa), il 78,7% delle attività totali.

«Le nostre microimprese di autoriparazione tengono duro, nonostante una
situazione non facile in cui tendono a essere avvantaggiate le realtà
medio-grandi che, facendo leva su economie di scala, riescono a ridurre i
costi. Ma non solo – sottolinea Giuseppe Pace, presidente nazionale dei
Carrozzieri di Confartigianato – Tra le maggiori difficoltà nella nostra
attività quotidiana, quella di accesso ai dati per la riparazione dei
veicoli, resi sempre più sofisticati dalle case automobilistiche: con il
prepotente avvento dell'elettronica, il controllo del mezzo si sposta
sempre più sulla programmazione, rendendo spesso difficoltoso o
impossibile l'intervento manuale. Anche per questo la nostra categoria
deve puntare moltissimo su una continua formazione e informazione, aspetti
necessari per non perdere il passo con i cambiamenti che interessano il
mercato e per far crescere le nostre competenze».

Scendendo nel dettaglio provinciale, a spiccare sono La Spezia e Savona, i
due territori più dinamici: nel savonese la crescita complessiva è del 2%
nell'ultimo anno (da 407 a 415 imprese di autoriparazione), e per quello
che riguarda l'artigianato, le microimprese sono passate da 356 a 362, per
un aumento dell'1,7% (valore che la posiziona al secondo posto nella
classifica nazionale). Per quello che riguarda lo spezzino, la provincia
si piazza al primo posto in Italia per variazione complessiva registrata
nel corso dell'ultimo anno (+4,3%), con il numero di imprese passato da
277 a 289. Le realtà artigiane sono aumentate di tre unità, passando da
226 a 229 (+1,3%). A Genova panorama invariato tra 2017 e 2018: le imprese del settore sono rimaste 1.222, mentre quelle artigiane sono diminuite dell'1,5% passando da 929 a 915. Trend negativo a Imperia: qui le attività di autoriparazione si sono ridotte dell'1,1% (da 378 a 374) e, in
particolare, quelle artigiane sono diminuite dell'1,6% (passando da 309 a
304).

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore