/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 09 settembre 2018, 07:11

Il caso del treno “Thello” sempre in ritardo: lo abbiamo seguito per una settimana e non è mai stato in orario

Tra i pendolari e i viaggiatori tanta delusione per un viaggio che, tra l’altro, è tra i più costosi della tratta ligure.

Il caso del treno “Thello” sempre in ritardo: lo abbiamo seguito per una settimana e non è mai stato in orario

Il ritardo dei treni, specie sulla tratta ligure, è un qualcosa che si tramanda da generazioni. Tanto è stato fatto ma, nonostante gli sforzi, i disagi e i ritardi sono ancora una realtà quotidiana.

A seguito della segnalazione di alcuni pendolari ci siamo interessati al caso del treno internazionale “Thello” Eurocity 160 che viaggia sulla tratta tra Milano e Marsiglia. Una delle novità degli ultimi anni, un convoglio che garantisce anche un livello di confort superiore. Ma sugli orari c’è ancora molto da fare.

Le segnalazioni dei pendolari hanno trovato conferma. Per una settimana abbiamo seguito il “Thello” Eurocity 160 tramite la app “Trenotify” che si appoggia sui dati ufficiali di Trenitalia. Quindi gli orari sono quelli reali e seguono il treno durante il suo viaggio. E la prova non ha fatto altro che dimostrare quanto detto a voce dai pendolari. Il “Thello” Eurocity 160 non è mai in orario.

In una settimana si sono toccate vette di 54 minuti di ritardo e mai il “Thello” tra Milano e Nizza è sceso sotto i 14 minuti. In allegato pubblichiamo gli screenshot dell’app “Trenotify” per dimostrare con prove concrete i continui ritardi del treno.

La rabbia dei pendolari è più che comprensibile. Al netto dei disagi che la rete ferroviaria sta vivendo dopo il crollo del ponte “Morandi” di Genova, resta il fatto che il “Thello” Eurocity 160 è uno dei treni più cari delle tratta ligure e, come dimostrano i fatti, in rari casi vale il prezzo del biglietto.

Nella gallery gli screenshot dell'app “Trenotify”

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium