/ Cronaca

Cronaca | 24 agosto 2018, 11:29

Sanremo: band imperiese travolta da una bacinella d'acqua mentre si esibisce in un pub. Sui social i musicisti raccontano cos'è successo

Questo gesto di INCIVILTÀ(in un locale dotato di permessi, appena controllati dalle forze dell'ordine, e con volumi contenuti) oltre ad aver danneggiato migliaia di euro di attrezzatura, ha fatto correre a Danilo (il chitarrista) un rischio enorme di venire folgorato

Sanremo: band imperiese travolta da una bacinella d'acqua mentre si esibisce in un pub. Sui social i musicisti raccontano cos'è successo

La band imperiese “Roommates” che ieri sera ha visto rovinata la propria esibizione a Sanremo a causa di una bacinella d’acqua lanciata da un residente nei pressi del pub in via Veneto, dove i quattro musicisti si esibivano, racconta la propria esperienza tramite un post su Facebook.

INCIVILTÀ E AFFINI: da qualche tempo, oltre a calcare le scene come Roommates, ci divertiamo in versione 'ridotta&cover' come 'Mercenari'. - scrivono - Ieri, 23 agosto alle 21.30 è iniziato un nostro live presso i locali di via Veneto a Sanremo. Dall'inizio un inquilino del primo piano ha iniziato ad inveirci contro, culminando alle 22.30 con un lancio di una grossa bacinella d'acqua. L'acqua ha scolato Danilo, la sua chitarra, testata e cassa, la pedaliera e parte dell'impianto audio e luci.

Questo gesto di INCIVILTÀ(in un locale dotato di permessi, appena controllati dalle forze dell'ordine, e con volumi contenuti) oltre ad aver danneggiato migliaia di euro di attrezzatura, ha fatto correre a Danilo un rischio enorme di venire folgorato.

Credo non servano spiegazioni per condannare tale gesto assurdo, pericoloso, scorretto, che svilisce il lavoro di un locale e la fatica di chi porta avanti(correttamente e rispettosamente) uno spettacolo musicale nella ‘Città della Musica’.

Detto questo, ringraziamo Alessio Graglia per il supporto, la Polizia Locale per il rapido intervento, gli Harley&Flower presenti e tutti gli amici e i clienti che ci hanno espresso solidarietà. Vogliamo sensibilizzare chiunque possa leggere sul fatto che gesti assurdi di questo genere potrebbero avere conseguenze tragiche. Questa volta è andata ‘bene’, stiamo quantificando i danni, ma nessuno si è fatto male, e questo è ciò che conta. Sempre. Per il resto, abbiamo radici forti. - Marco, Danilo, Alessio, Davide
”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium