/ Attualità

Attualità | 24 agosto 2018, 17:31

Sanremo: progetto Portosole, tra le opere pubbliche priorità al solettone di Villa Magnolia e alla viabilità di collegamento con via Vesco

Ecco la lista e i tempi per la realizzazione degli interventi di pubblica utilità collegati al restyling dell’“ecomostro”

Il nuovo volto di Portosole

Il nuovo volto di Portosole

Dopo la votazione del Consiglio Comunale è partito il conto alla rovescia per il progetto che rivoluzionerà Portosole. Addio all’“ecomostro” che, negli anni, è balzato anche agli onori delle cronache nazionali, spazio a una struttura alberghiera di lusso in una delle zone più esclusive della città.

Il progetto è stato approvato dal Consiglio e ora inizia il lungo iter burocratico che porterà alla posa della prima pietra. E per i cittadini c’è la grande attesa delle opere di interesse pubblico collegate alla nuova costruzione. Non sorgerà, infatti, solo un hotel, ma intorno saranno realizzati lavori per migliorare e sviluppare l’intera area che ruota attorno all’approdo turistico.

Insieme al progetto e alla variante è stato approvato anche il cronoprogramma dei lavori, la “scaletta” degli interventi interni ed esterni. Ed ecco quali saranno i primi interventi pubblici a vedere la luce.

Proprità al solettone di Villa Magnolie, per risolvere il problema dell’assenza di posti per i motorini dei ragazzi del Liceo. I lavori sono in programma dal primo al 90° da quando sarà rilasciato il provvedimento autorizzativo. Insieme prenderanno il via anche gli interventi per la viabilità di collegamento con via Vesco. Via Gavagnin, la strada dietro Portosole, diventerà a senso unico in direzione Levante per poi convergere con corso Cavallotti all’altezza dell’ex tribunale.

Poi, nell’ordine: parcheggi, lo sbocco del rio San Lazzaro, l’impianto di riciclo acqua tra i due porti, il fabbricato e i relativi servizi, la rotatoria, la viabilità e la rampa di accesso per i disabili.

Questi i lavori che saranno effettuati al di fuori del porto.
Ma ricordiamo quali saranno gli interventi per il progetto di riqualificazione di Portosole: la sistemazione dell’area limitrofa alla passeggiata Trento Trieste e inizio via del Castillo, con la creazione di una rotonda e sistemazione a verde lungo la strada di accesso al sottopasso di via del Castillo, a via Gavagnin e all’ingresso di Portosole, che verrà arretrato per consentire una maggiore fruibilità della rotatoria; la realizzazione di un collegamento con via Vesco (quartiere di San Martino) e parapetto lungo via Gavagnin; la realizzazione di parcheggi a raso ad uso pubblico; la realizzazione di un’area verde ad uso pubblico a livello banchina (area che potrà essere utilizzata anche per eventi turistici organizzati dal Comune); la copertura dell’autorimessa a Villa Magnolie: un intervento fortemente voluto dall’Amministrazione comunale per consentire di risolvere l’annoso problema della mancanza di parcheggi per i ragazzi del Liceo Cassini; la realizzazione di un edifico per le dogane e servizi pubblici; la realizzazione di un impianto di illuminazione, di ringhiere e cancellate protettive in via Gavagnin; la realizzazione di una barriera protettiva del rio San Lazzaro per migliorare la fruibilità dello spazio acqueo; la realizzazione di un impianto destinato al potenziamento del ricircolo delle acque nel bacino d’acqua antistante Portosole.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium