/ Cronaca

Cronaca | 23 agosto 2018, 18:19

Sanremo: spaccio, schiamazzi e vendita di alcol fino a tarda sera in via Martiri, raccolta di firme ed esposto da parte di negozianti e residenti

Il documento è stato preso in consegna dal Comune e girato alla Prefettura con la richiesta di intervento

Sanremo: spaccio, schiamazzi e vendita di alcol fino a tarda sera in via Martiri, raccolta di firme ed esposto da parte di negozianti e residenti

I negozianti e i residenti di via Martiri e piazza Eroi fanno quadrato per arginare un fenomeno spesso balzato agli onori delle cronache in quella zona.

Specie in estate è ormai diventata un’abitudine per alcuni stranieri del quartiere radunarsi nei pressi di un negozio che, aperto fino a tardi, vende alcolici ad ogni ora. Una situazione che in zona tutti conoscono ma che ora non sono più disposti a tollerare. Capita infatti che, complice qualche birra di troppo, gli animi si agitino portando a urla, schiamazzi e, nel peggiore dei casi, qualche rissa. Senza dimenticare la sempre presente attività di spaccio.

Motivo per il quale i commercianti e i residenti della zona hanno deciso di procedere prima con una raccolta di firme (iniziativa che ha ottenuto una sessantina di adesioni tra negozianti e residenti della parte bassa di via Martiri) che è stata poi portata all’attenzione del Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Il Grande. Il documento è ora al vaglio della Polizia Municipale e della Prefettura.

Ora la palla passa quindi alle forze dell’ordine e alle istituzioni. Già quest’oggi Il Grande ha provveduto a inoltrare la lettera alle autorità competenti con tanto di richiesta di intervento specie per le attività di spaccio. Alla raccolta di firme è stato allegato il messaggio: “Ai fini di portare a conoscenza della SS.VV. quanto di seguito, con la presente si trasmette in allegato raccolta firme presentata al Comune di Sanremo da parte di numerosi cittadini, in relazione allo stato di degrado, problematiche di spaccio di stupefacenti e mancanza di sicurezza nella zona del Mercato Annonario, via Martiri della Libertà”.

I residenti e i negozianti non chiedono la chiusura del negozio in questione, ma il rispetto delle regole e, soprattutto, che in zona non si vengano a creare situazioni potenzialmente pericolose.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium