/ Politica

Politica | 21 agosto 2018, 18:25

Regione: declassamento gastroenterologia di Sanremo, Sonia Viale ai medici “Conio auspicava trasferimento della struttura complessa a Pietra Ligure. C'è mancanza di dialogo e mi farò carico cercando soluzione positiva”

La vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria, Sonia Viale risponde alla lettera scritta dai professionisti del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Borea di Sanremo.

Sonia Viale

Sonia Viale

 “Molti degli interrogativi posti nella lettera firmata dai medici del reparto trovano puntuale risposta nella missiva che il dottor Conio inviò alla sottoscritta nel 2016, chiedendo proprio la trasformazione in struttura semplice con il trasferimento della struttura complessa presso l’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure".

Così la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale in merito alla lettera scritta dai professionisti del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Borea di Sanremo (LEGGI LA NOTIZIA QUI) contro l’ipotesi di trasformazione da Struttura Complessa a Struttura Semplice. 

"Risulta dunque evidente la profonda mancanza di dialogo tra il dottor Conio e i medici del suo reparto, oltre che all’interno dell’azienda: questo crea disorientamento e rappresenta una criticità di cui mi farò carico, facilitando il confronto tra le parti e lavorando per una soluzione del problema per restituire serenità a pazienti e operatori”.  

“Prendo anche atto con favore – prosegue la vicepresidente di Regione Liguria - delle dichiarazioni del Presidente dell’Ordine dei Medici provinciale, dott. Alberti, che invita la politica a ‘non frammentare i servizi per attirare a sé i consensi. Non è così che si garantisce il giusto intervento’, scrive Alberti. Sono certa – conclude la vicepresidente Viale – che si possa trovare una sintesi positiva, da un lato confermando appieno la indiscussa professionalità del dottor Conio e, dall’altro, garantendo ai cittadini l’accesso ai servizi del ponente ligure: sarà mia cura incontrare sia i medici del reparto che i politici della zona”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium