/ Imperia Golfo Dianese

Imperia Golfo Dianese | 20 agosto 2018, 18:15

Pieve di Teco, il presidente provinciale Natta interviene sui disagi della 28: "Anas dialoghi e sia una presenza costante sul territorio"

"La statale 28 non è di nostra competenza perché è gestita da Anas. La provincia non c’entra però è indubbio che ci sia una situazione di disagio"

Pieve di Teco, il presidente provinciale Natta interviene sui disagi della 28: "Anas dialoghi e sia una presenza costante sul territorio"

Traffico, code e polemiche continuano a contornare la statale 28 e in particolare la zona d'ingresso a Pieve di Teco letteralmente bloccata ogni giorno festivo per i lavori in corso, ormai da quattro anni, con conseguente semaforo.

Sulla questione è intervenuto via social, rispondendo con un commento a un articolo del nostro giornale, il presidente della provincia Fabio Natta che contattato da Imperianews ha spiegato: "La statale 28 non è di nostra competenza perché è gestita da Anas. La provincia non c’entra però è indubbio che ci sia una situazione di disagio. Anas oggi entra nella rete viabilistica della zona in maniera concreta e ha certamente più risorse della provincia in materia stradale. Qualche mese fa abbiamo firmato un protocollo d’intesa, in vigore con firma tecnica dall’inizio di agosto, con Anas che ha preso ufficialmente la gestione della 453, vecchia statale della valle Arroscia che collega Pieve di Teco ad Albenga. Qui Anas dovrà fare determinati interventi in una strada che ha bisogno di manutenzione continua. Questo passaggio, del quale siamo molto soddisfatti e per il quale ci siamo battuti affinchè avvenisse – prosegue Natta – segna  il ritorno ‘prepotente’ di Anas sul territorio che aggiunge alla ss28 la 453. Anas si è impegnata a svolgere fin da subito degli interventi importanti su questa seconda arteria. La speranza è che questo sia l’inizio di una presenza più costante della stessa Anas sul territorio, con l’auspicio che dialoghi maggiormente con sindaci, istituzioni ed enti preposti in loco per evitare disagi come quello del cantiere di Pieve di Teco e che spenda al meglio le risorse che ha a disposizone".

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium