/ Attualità

Attualità | 23 luglio 2018, 15:39

Pigna: firmato un protocollo d'intesa tra Comune ed Enel per l'installazione di 5 punti di ricarica per auto elettriche

Anche Pigna, quindi, potrà avere le stazioni di ricarica dei mezzi elettrici, un’opportunità anche in chiave turistica per i molti villeggianti che hanno da tempo scoperto le bellezze e le peculiarità dell’entroterra.

Pigna: firmato un protocollo d'intesa tra Comune ed Enel per l'installazione di 5 punti di ricarica per auto elettriche

E’ stato firmato un protocollo d’intesa tra il Comune di Pigna e la Enel X Mobility per l’installazione di una rete di ricarica sul territorio comunale del piccolo centro dell’alta Val Nervia.

Il protocollo, che non prevede alcun contributo da parte del Comune, va verso l’utilizzo dei mezzi elettrici e consentirà agli utenti di poter utilizzare cinque diverse infrastrutture di ricarica, diversificate tra loro in potenza a seconda del sito di installazione e della domanda dell’utente.

Il trasporto su gomma continua, purtroppo, a contribuire all’inquinamento atmosferico, all’aumento delle emissioni di gas serra e a numerosi impatti ambientali. La mobilità elettrica, invece, costituisce una significativa opportunità per lo sviluppo sostenibile ed Enel ha avviato un ampio programma di ricerca e di investimenti, per supportarne l’affermazione e la crescita nel medio termine.

Il gruppo Enel ha ideato un sistema di infrastrutture intelligenti per la ricarica dei veicoli elettrici composto da diversi modelli: “EVChargingStations” ovvero “Pole Station”, “Box Station” “Fast Recharge”, “Fast Recharge Plus” e “V2G Station”. Si tratta di modelli gestiti con le più avanzate tecnologie informatiche per il controllo e la gestione remota (“ElectricMobility Management) e in grado di rispondere alle attuali e future esigenze di una mobilità urbana evoluta e sostenibile.

Anche Pigna, quindi, potrà avere le stazioni di ricarica dei mezzi elettrici, un’opportunità anche in chiave turistica per i molti villeggianti che hanno da tempo scoperto le bellezze e le peculiarità dell’entroterra.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium