/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 20 luglio 2018, 16:36

Riva Ligure: analisi di 'Goletta Verde', intervento dei Consiglieri di opposizione Balloni e Sablone

“Siamo stati uno degli ultimi Comuni Liguri a mettere a punto un piano efficace sui rifiuti, perché non essere gli ultimi anche nella bonifica dei torrenti?"

Riva Ligure: analisi di 'Goletta Verde', intervento dei Consiglieri di opposizione Balloni e Sablone

“Riparte la stagione estiva ed il nostro focus rimane la salvaguardia dell'ambiente con particolare riguardo all'inquinamento rilevato da Goletta Verde sulla foce del torrente Argentina. Passi che Riva Ligure sia rimasto l'unico paese sul quale non svetta la Bandiera Blu, passi un programma di Manifestazioni Estive che è un ‘pout-pourri’ di eventi mordi e fuggi. Ma la totale disattenzione ad un inquinamento, quello della foce dell'Argentina, che si protrae ormai da anni, quella, è inaccettabile. L'immagine sui social dell'Assessore al Demanio, Francesco Benza, sorridente col pollice in su che, a bordo di una ruspa, invita i bagnanti ad affollare le nuove spiagge, non basta a far dimenticare i dati di Contaminazione Batterica rilevati nell'Argentina, non cancella l'odore sgradevole che sovente aleggia sui nostri Lidi, non ripopola la colonia faunistica della foce, ridotta oggi a pochi esemplari”.

Intervengono in questo modo i Consiglieri di minoranza Paolo Balloni Paolo capogruppo de ‘La Rinascita’ e Lorena Sablone capogruppo de Riv@ttiva, che proseguono: “Ci chiediamo allora: dove sta il tanto declamato impegno di questa Amministrazione alla salvaguardia delle sostenibilità, infilato a forza nella programmazione triennale? Ci domandiamo: perché si invitano i cittadini a denunciare l'abbandono dei rifiuti ma non l'esistenza degli scarichi abusivi? Com'è possibile che, un dato così importante come quello che emerge dal monitoraggio di Goletta Verde, invece di essere di stimolo ad una politica seria di protezione del Demanio Fluviale e Costiero, venga vissuto come un ‘attacco’ a quello che più che richiamo turistico, sembrerebbe uno slogan preelettorale? Immaginiamo già la risposta dell'Assessore Benza, sempre preoccupato di far apparire la dialettica politica delle Opposizioni come un attacco alla sua persona. Beh, caro Benza, le opposizioni chiedono trasparenza, e non solo quella delle acque”.

Lorena Sablone interviene in questo modo: “Siamo stati uno degli ultimi Comuni Liguri a mettere a punto un piano efficace sui rifiuti, perché non essere gli ultimi anche nella bonifica dei torrenti? Ci diranno che se ci sono scarichi nell'Argentina, non è certo colpa del Comune di Riva Ligure. Ma essendo il Comune di Riva Ligure,  da quasi due anni, unico gestore di un'area da cui viene prelevata la sabbia per i ripascimenti delle spiagge, è proprio nell'interesse dei cittadini Rivesi e di tutti i bagnanti, che l'Amministrazione stessa si faccia portavoce della sua salvaguardia”.

Paolo Balloni ha detto: "Voglio dare un consiglio spassionato all'Assessore Benza, che si atteggia a primo della classe, ma non si rende conto invece di essere il penultimo della classe. Il suo comportamento in questi ultimi mesi, denota arroganza e incapacità Amministrativa, fare l'Assessore al demanio fluviale e al demanio marittimo è un incarico impegnativo non uno spot elettorale. Bisogna saper ascoltare sia i cittadini, sia l'opposizione, che, spesso segnalano delle anomalie o irregolarità che rilevano sulle spiagge del nostro paese. Questo è uno dei vari compiti dell'Assessore, altrimenti è meglio che il Dott. Benza, rimetta nelle mani del Sindaco le deleghe a lui assegnate, ammettendo umilmente il fallimento della sua politica e del suo Assessorato”. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore