/ Attualità

Attualità | 20 luglio 2018, 07:11

Sanremo: nuovo passo avanti per la differenziata in città, installate 4 isole ecologiche informatizzate (Foto)

È un centro del tutto automatizzato. Il residente, dotato di apposita tessera, può conferire regolarmente semplicemente aprendo il contenitore desiderato passando la card.

Sanremo: nuovo passo avanti per la differenziata in città, installate 4 isole ecologiche informatizzate (Foto)

Un nuovo passo avanti a Sanremo, verso il traguardo della percentuale di raccolta differenziata che viene chiesta dall’Unione Europea. E’ stato fatto nelle ultime ore con l’istallazione di quattro nuove ‘EcoShell’ (tre unità piccole dietro al Casinò all’intersezione con via Asquasciati più quello di piazza San Bernardo).

Si tratta isole ecologiche informatizzate, un sistema che Amaie Energia ha già sperimentato nella zona di Porto Vecchio, dietro al PerMare. È un centro del tutto automatizzato. Il residente, dotato di apposita tessera, può conferire regolarmente semplicemente aprendo il contenitore desiderato passando la card. In questo modo non solo viene identificato chi sta conferendo i rifiuti, ma viene anche fissata l’ora e la tipologia di rifiuto. Dati che serviranno all’azienda per formulare statistiche sulle quali poter poi modulare il sistema di raccolta.

Le zone in cui sono state sistemate, non sono casuali ma sono state accuratamente scelte, dopo essere state monitorate per 6 mesi. Si tratta di zone che hanno un particolare bacino d’utenza e la tessera magnetica verrà data a fruitori, stabiliti dall’azienda, casa per casa alle famiglie della zona. Si tratta di isole ecologiche che hanno già suscitato la soddisfazione di Amaie Energia, per il loro funzionamento, ma anche degli utenti, visto che c’è maggiore libertà nel conferimento dei rifiuti. Un ulteriore passaggio che fornisce maggiori libertà al cittadino.

Il residente, dotato di apposita tessera, può conferire regolarmente semplicemente aprendo il contenitore desiderato passando la card. In questo modo non solo viene identificato chi sta conferendo i rifiuti, ma viene anche fissata l’ora e la tipologia di rifiuto. Dati che serviranno all’azienda per formulare statistiche sulle quali poter poi modulare il sistema di raccolta. Un metodo che, dove già applicato da tempo, ha dato ottimi risultati in termini di quantità e qualità di differenziata ma anche dal punto di vista del decoro pubblico.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium