/ Attualità

Attualità | 18 luglio 2018, 09:01

Divieti sulle spiagge della nostra provincia: attenzione perchè anche in Francia non si scherza e le multe sono dietro... l'ombrellone

I divieti sono tra i più classici: per gli animali, il fumo, i barbecue ed i pic-nic. Le multe vanno da 17 a 135 euro ed i controlli sono particolarmente serrati.

Un pic-nic serale sulla spiaggia di Nizza

Un pic-nic serale sulla spiaggia di Nizza

Si parla molto dei divieti sulle spiagge della nostra provincia e stanno facendo discutere soprattutto gli ultimi, a Riva Ligure e Diano Marina, in particolare per i fumatori ma non solo.

Evidenziando il più classico dei detti, ovvero se l’Italia piange la Francia non ride (parafrasando Sparta e Atene), anche in Costa Azzurra i divieti sugli arenili pullulano e, anzi, sono ancora più stringenti di quelli italiani. Si, perché se si va a fare il bagno o a prendere il sole a Nizza, bisogna stare molto attenti, visto che si rischiano multe salate, per le numerose ordinanze che sono state emesse.

Tra l’altro, quest’anno le spiagge di Nizza sono particolarmente sorvegliate dalla Polizia Municipale locale, sia attraverso un battello che si sposta a pochi metri dal litorale, sia con agenti che percorrono gli arenili a piedi. Tra i principali divieti, con le relative sanzioni, quello del divieto ai cani, che sono ammessi solo nelle aree a loro destinate e cioè a Carras alla Plage de la Lanterne. In tutte le altre vige il divieto assoluto di accesso per i quattro zampe. Sulla spiaggia Plage de la Lanterne, inoltre, sono vietati i cani di prima categoria (quelli definiti d’attacco), mentre quelli di seconda categoria (cani da guardia o da difesa) devono essere tenuti al laccio. La violazione alla norma che vieta l’accesso ai cani in spiaggia provoca una sanzione di 17 euro.

Sono vietate le grigliate in spiaggia, per ragioni di pulizia ed anche per gli impliciti rischi di provocare incendi agli ombrelloni se qualche tizzone li raggiunge. La multa è di 17 euro, che però sale a 135 se viene sporcato il suolo pubblico o vengono emessi fumi che risultano fastidiosi alle persone vicine.

In spiaggia a Nizza (a differenza di Cannes) è ancora permesso fumare, fatta eccezione per le spiagge sulle quali sventola la bandiera di ‘Plages sans tabac’. Le spiagge libere da fumo sono Centenaire, Lenval, Sainte-Hélène, Bains Militaires dove accendersi una bionda costa 135 euro.

Pochi lo sanno, ma l’accesso alle spiagge di Nizza, fatta eccezione per i pescatori professionisti o dilettanti, è vietato dalle 22 alle 7. Sulle spiagge è vietato pure installare tende o altri manufatti che, nelle ore notturne, consentano un riparo. In ogni caso la sanzione per chi è sorpreso a pernottare sulle spiagge è di 17 euro.

E’ consentito consumare pasti, anche in compagnia, sulla spiaggia. Non vi sono particolari divieti a Nizza per chi organizza un pic-nic in riva al mare. Con un’avvertenza: ‘dimenticare’ i rifiuti sulla spiaggia costa caro, la multa è di 135 euro.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium