/ Eventi

Eventi | 15 luglio 2018, 13:41

Triora: il 1° agosto sarà tempo di Lammas, la grande festa per celebrare l'abbondanza ed i doni della Madre Terra

A partire dal pomeriggio del 1° agosto sarà allestito il mercatino artigianale, non mancheranno esibizioni di musica itinerante e spettacoli teatrali fino a tarda sera.

Triora: il 1° agosto sarà tempo di Lammas, la grande festa per celebrare l'abbondanza ed i doni della Madre Terra

Il 1° agosto, Triora riscoprirà Lammas, l'evento per celebrare la Madre Terra ed i suoi doni: il grano e il pane. Il borgo della Valle Argentina prosegue nei festeggiamenti secondo il calendario arcaico, vera e propria novità nella strategia turistica attuata per l'estate 2018 dall'amministrazione comunale del Sindaco Massimo Di Fazio.

Fervono i preparativi con l'obiettivo di replicare il grande successo e l'attenzione riservata al borgo delle streghe, lo scorso 21 e 22 giugno, quando è stata la volta di Litha, festa per il solstizio d'estate. A partire dal pomeriggio del 1° agosto sarà allestito il mercatino artigianale, non mancheranno esibizioni di musica itinerante e spettacoli teatrali fino a tarda sera. Il momento clou sarà il rituale di ringraziamento, un momento unico caratterizzato da frenetiche danze nel grano, simbolo di una comunità felice ed unita.

Lammas esprimerà l'abbondanza ed il completamento del ciclo del raccolto. Infatti questa festa si trova all'apice del cerchio ascendente, come si può vedere sulle locandine di questa nuova tipologia di eventi. Inoltre, la posizione è diametralmente opposta all’Imbolc, 2 febbraio, quando si ricorda uno dei momenti più difficili dell'anno, a causa delle rigide temperature, che si ripercuotevano sul raccolto e quindi anche sulla vita in questi paesi. 

“Il 1° agosto si renderà omaggio alla generosità dell’antica Madre Terra, sarà il momento per godere dei suoi doni e della possibilità di nutrirsi e dunque prosperare. E' così che in un importante giorno d'estate si potranno rivivere magicamente antichi sentimenti ed emozioni di un quotidiano ormai scomparso ed oggi rappresentato nella solare e dorata spiga di grano e nei suoi sacri prodotti, la bianca farina ed il fragrante pane. - raccontano gli organizzatori - Celebriamo questo tempo di gioia e gratitudine con gesti, parole arcaiche e rituali, con l’amicizia, la musica e il piacere della danza. Venite a Triora per festeggiare l'abbondanza del raccolto insieme a noi”.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium