/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 13 luglio 2018, 16:10

Ventimiglia: manifestazione pacifica di 'border crossing'. Nessuno ha tentato di espatriare, francesi in assetto di guerra (Foto e Videoservizio)

La manifestazione, durata poco meno di un’ora si è conclusa chiedendo a tutti di partecipare alla manifestazione di domani, dalle 14 alle Gianchette a Ventimiglia, come evidenziato nuovamente da Giacomo Mattiello dell’associazione ‘Progetto 20k’.

“Siamo contro le politiche del Governo francese, ma anche contro quello italiano, contro chi sacrifica migliaia di vite umane nel Mediterraneo per i suoi sporchi interessi. Queste politiche devono cambiare radicalmente, partendo dal basso con chi lavora nelle realtà che praticano la solidarietà e vogliono riscrivere le politiche di questa Europa ‘fortezza’. Non ci sono ingressi irregolari, bisogna smetterla con il ‘razzismo istituzionale’ al quale contrapponiamo la nostra solidarietà e la nostra voglia di libertà, che vuole combattere questo mondo”.

Questo uno dei tanti discorsi ‘urlati’ al confine italo-francese di ponte San Ludovico a Ventimiglia, dove si è svolta questo pomeriggio la manifestazione di ‘border crossing’ voluta dall’associazione ‘Progetto 20k’ e da quelle che hanno sostenuto quella di domani ‘Ventimiglia città aperta’, prevista nel pomeriggio. “No border, no nation, stop deportation’ è stato il classico slogan che è stato urlato a pochi metri dal confine, dove i francesi avevano eretto una sorta di ‘Linea Maginot’ con blindati e tanti agenti, pronti a fermare chi avesse avuto voglia di superare l’ex frontiera.

Il servizio:

I manifestanti hanno chiesto l’apertura delle frontiere e dei porti, dipingendo a terra la classica scritta ‘No Borders’, ovvero ‘No ai confini’ tra i paesi. Non sono mancate le invettive contro i francesi: “Perché non festeggiate il 14 luglio pensando alla solidarietà con gli altri, su una linea di confine che non è immaginaria e che è stata più volte ‘travolta’ come tutte le linee di demarcazione. Oggi siamo qui a rappresentare cos’è un confine vero”.

Una parte della 'diretta' andata in onda oggi pomeriggio:

La manifestazione, durata poco meno di un’ora si è conclusa chiedendo a tutti di partecipare alla manifestazione di domani, dalle 14 alle Gianchette a Ventimiglia, come evidenziato nuovamente da Giacomo Mattiello dell’associazione ‘Progetto 20k’: “Appena siamo arrivati, il confine è stato ‘sigillato’. Noi siamo per un permesso di soggiorno europeo, affinchè tutti possano circolare. Noi, per un po’ di tempo abbiamo bloccato merci e capitali, ma questo non possiamo accettarlo perché invece viene vietato a uomini, donne e bambini. Quanto accaduto non ci ha stupito perché una situazione del genere si vive 365 giorni l'anno, con deportazioni settimanali dei migranti, con un apparato repressivo in costante funzione. I francesi, di fronte ad un atto simbolico, si sono sigillati come accade in tutta l'Euorpa, che sta diventando sempre più una fortezza”.

Carlo Alessi - Simona Della Croce - Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore