/ Politica

Politica | 25 giugno 2018, 08:01

Umberto Bellini analizza il voto a Imperia: “Il “totismo” viene ancora fermato nonostante le sfilate con leader nazionali e Assessori scondizolanti”

“Si pone ora, secondo chi scrive, un problema per ciò che resta di forza Italia nella nostra provincia. Il segretario deve dimettersi”

Umberto Bellini

Umberto Bellini

Dopo l'esito del voto a Imperia, riceviamo e pubblichiamo l'analisi del voto dell'ex Assessore sanremese Umberto Bellini.

Dopo quella di Savona anche nella nostra provincia il “totismo” viene fermato. Dopo Vallecrosia e Bordighera anche a Imperia ha la meglio una coalizione composta da liste civiche liberal democratiche espressioni di moderatismo.
Gli imperiesi hanno dato la preferenza a chi meglio di altri ha le qualità per far rinascere la loro città senza farsi irretire dalle passerelle di leader nazionali del “destra centro” avendo già un leader nella propria città: Claudio Scajola.

E a nulla sono serviti gli attacchi di bassa lega, i sondaggi fasulli, le dichiarazioni sulle pagine nazionali ad urne ancora aperte, le visite di Toti con al seguito scodinzolanti Assessori. Ha vinto la concretezza del programma e la grande autorevolezza di chi questo programma ha presentato.
Si pone ora, secondo chi scrive, un problema per ciò che resta di forza Italia nella nostra provincia. 
Dopo questi risultati negativi ovunque si è votato ritengo che il segretario provinciale debba rassegnare le dimissioni dal proprio incarico per lasciare spazio ad un'ampia discussione su come rifondare il partito.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium