Leggi tutte le notizie di SALUTE E BENESSERE ›

INFERMIERE E SALUTE | 24 giugno 2018, 07:00

Viaggiare in aereo preparati e sereni, ecco cosa sapere

Quando si vola si può essere seduti e inattivi per lunghi periodi di tempo. L'ambiente può essere a basso contenuto di umidità e pressione.

Viaggiare in aereo preparati e sereni, ecco cosa sapere

Quando si vola si può essere seduti e inattivi per lunghi periodi di tempo. L'ambiente può essere a basso contenuto di umidità e pressione.

 A differenza di altre forme di trasporto, il viaggio aereo permette un rapido movimento attraverso molti fusi orari, causando una interruzione del fisiologico 'orologio biologico'.

Anche se questi fattori non costituiscono una minaccia per la salute o la sicurezza per la maggior parte dei passeggeri, ci sono le linee guida che si possono seguire che miglioreranno  il comfort durante e dopo un volo.


umidità in cabina e disidratazione
Livelli di umidità inferiore al 25 per cento sono comuni in cabina. Ciò è dovuto ai livelli di umidità estremamente bassi dell'aria esterna in dotazione alla cabina. Il basso tasso di umidità può causare secchezza del naso, della gola e degli occhi e può irritare i portatori di lenti a contatto.

Si consiglia di:

Bere acqua e succhi di frequente durante il volo. Bere caffè, tè e alcol con moderazione. Queste bevande agiscono come diuretici, aumentando la disidratazione del corpo. Togliere le lenti a contatto e occhiali se gli  occhi sono irritati. Utilizzare una crema  idratante per rinfrescare la pelle. Mangiare (moderatamente)  e bere
Una corretta alimentazione ed un adeguato apporto di liquidi migliorerà il comfort sia durante che dopo il volo.
Evitare di mangiare troppo prima e durante il volo. E 'difficile digerire troppo cibo  quando il corpo è inattivo.

La circolazione del sangue e rilassamento muscolare
Quando si è seduti  e inattivi per un lungo periodo di tempo, possono accadere molte cose:

I vasi sanguigni  nelle gambe possono essere compressi, rendendo più difficile per il sangue  tornare al  cuore. I muscoli possono diventare tesi, con conseguente mal di schiena e una sensazione di eccessivo affaticamento durante e anche dopo il volo. Il meccanismo normale per la restituzione di liquidi  al cuore, può essere inibito a causa della gravità con ritenzione idrica nei piedi, e conseguente piedi gonfi dopo un lungo volo. Alcuni studi hanno concluso che l'immobilità prolungata può essere un fattore di rischio nella formazione di coaguli di sangue , ( trombosi venosa profonda delle gambe (TVP)). Farmaci particolari e  condizioni mediche possono aumentare il rischio di formazione di coaguli di sangue, se associate a prolungata immobilità. La ricerca medica indica che i fattori che possono dare un aumento del rischio di coaguli di sangue nelle gambe sono:

Storia personale o familiare di TVP. Recenti interventi chirurgici o lesioni, soprattutto agli arti inferiori o addominale. Malattie del sangue che portano ad una maggiore tendenza alla coagulazione. Immobilizzazione per un giorno o più. Età superiore a 40 anni. Estrogeni per  la terapia ormonale, compresi i contraccettivi orali. Gravidanza. Tabacco. Pregressa o attuale patologia maligna. L'obesità. Disidratazione. Insufficienza cardiaca. Le vene varicose.

Raccomandazioni:

Se rientrate in una qualsiasi di queste categorie si consiglia di consultare un medico prima di partire. Calze a compressione graduata  possono aiutare a prevenire il gonfiore delle caviglie e dei piedi e possono migliorare il ritorno del sangue al corpo, dalla parte inferiore delle gambe.. Mentre in volo, muovere le gambe e piedi per tre - quattro minuti per ogni ora in posizione seduta e muoversi in cabina di tanto in tanto

 

Esercizi  in volo
Questi esercizi sono studiati per fornire un modo sicuro per allungare  alcuni gruppi muscolari che possono diventare rigidi a causa di lunghi periodi di inattività. Essi possono essere capaci di aumentare la circolazione sanguigna del corpo, massaggiando i muscoli.

Ogni esercizio dovrebbe essere fatto con il minimo disturbo agli altri passeggeri. Nessuno dei seguenti esercizi deve essere eseguito se causa dolore o non può essere fatto con facilità.

esempi:


Sollevare i piedi dal pavimento. Disegnare un cerchio con le dita dei piedi, in movimento contemporaneo un piede in senso orario e l'altro piede in senso antiorario. Ruotare in ogni direzione per 15 secondi. Ripetere se desiderato.

2. piede

Il Movimento del piede è in tre fasi.
1. Inizia con entrambi i talloni sul pavimento e punte verso l’alto

2. Mettere le punte sul pavimento.
3. alzare il piede, riportandolo poi di nuovo sul pavimento
Ripetere questi tre stadi con un movimento continuo e in intervalli di 30 secondi.

3. ginocchio

Sollevare la gamba con il ginocchio piegato,  contraendo il muscolo della coscia. Alternare le gambe. Ripetere da 20 a 30 volte per ogni gamba.

4. Collo
Con le spalle rilassate, scuotere delicatamente il collo avanti e indietro, tenendo ogni posizione circa cinque secondi. Ripeti cinque volte.

5. Ginocchio al petto

Piegarsi leggermente in avanti. Chiusura delle mani intorno al ginocchio sinistro e portarlo  al petto. Tenere l’allungamento per 15 secondi. Mantenere le mani intorno al ginocchio, lentamente. Alternare le gambe. Ripetete 10 volte.

6. flessioni

Con entrambi i piedi sul pavimento e in posizione seduta , lentamente piegarsi in avanti e trattenere le caviglie . Tenere l’allungamento per 15 secondi e lentamente tornare in posizione iniziale.

7. spalla

spalle in avanti, poi verso l'alto, poi indietro e verso il basso, con un delicato movimento circolare.

pressurizzazione in cabina
E 'necessario pressurizzare l'aria esterna aspirata nella cabina per una densità sufficiente per il vostro comfort e la salute. Le  Cabine sono pressurizzate ad un altitudine di cabina massima di 2440 metri.

La pressione della cabina e normali tassi di variazione di pressione in cabina durante la salita e la discesa non rappresentano un problema per la maggior parte dei passeggeri. Tuttavia, se si soffre di infezioni delle alte vie respiratorie , malattie ostruttive polmonari, anemie o determinate condizioni cardiovascolari, si potrebbe avere disagio.

Bambini e neonati potrebbero soffrire di alcuni problemi a causa delle variazioni di pressione durante la salita e discesa.


Raccomandazioni:

Se avete una pre-esistente condizione medica che necessita di ossigeno supplementare, potete segnalarlo alla compagnia aerea. In base ai regolamenti di molte aziende è meglio dare un preavviso di almeno sette giorni prima di partire. Per 'stappare' le orecchie, provare a deglutire o sbadigliare. Queste azioni aiutano ad aprire le  trombe di Eustachio, con un’equalizzazione della pressione tra la camera di orecchio medio e la gola. Quando si vola con un neonato, date al vostro bambino un succhiotto  morbido durante la discesa. Suzione e deglutizione aiuteranno i neonati ad equilibrare la pressione nelle orecchie.

 

Jet Lag
La principale causa del jet lag è un viaggio in un fuso orario diverso senza dare al corpo la possibilità di adattarsi ai nuovi cicli giorno/notte.. I sintomi comuni sono insonnia, stanchezza, perdita di appetito o appetito alle ore sbagliate.

Per cercare di minimizzare gli effetti del jet lag, si consiglia di:

Riposare bene la notte prima del volo. Se possibile, regalarsi un giorno o due per adattarsi al nuovo fuso orario dopo l'arrivo. Utilizzare voli diretti per minimizzare il tempo di volo, se possibile . Questo permette di rilassarsi di più all'arrivo. Provare alcuni esercizi leggeri, fare una camminata veloce, o fare un po 'di lettura, se non si riesce a dormire dopo l'arrivo a destinazione. Ci vuole di solito un giorno, per regolare ogni fuso orario attraversato.

 

Chinetosi
La turbolenza dell'aria aumenta la probabilità perché causare il movimento del fluido nell'apparato vestibolare dell'orecchio interno,  provocando mal d'aria.
Raccomandazioni:

Quando il tempo è chiaro e si può vedere la terra, mare o l’orizzonte, si è meno soggetti a cinetosi. È possibile acquistare farmaci, ma si consiglia di consultare il medico circa i farmaci appropriati.

 

                                                       Roberto Pioppo

Scrivete a: 

salute@sanremonews.it

 

 

Disclaimer:

Tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione.

Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

 

Compito dell’infermiere è la somministrazione della cura, il controllo dei sintomi e la cultura all’ Educazione Sanitaria.

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

domenica 10 novembre
domenica 03 novembre
domenica 27 ottobre
domenica 20 ottobre
domenica 13 ottobre
domenica 06 ottobre
domenica 29 settembre
domenica 22 settembre
domenica 15 settembre
domenica 08 settembre
domenica 01 settembre
domenica 21 luglio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium