/ Politica

In Breve

venerdì 15 novembre

Politica | 24 giugno 2018, 23:01

Elezioni comunali a Imperia: urne chiuse alle 23, ecco lo scenario della composizione del Consiglio Comunale in caso di vittoria di Luca Lanteri o di Claudio Scajola

A seconda della vittoria di uno o dell’altro candidato, la composizione del Consiglio Comunale muterebbe in maniera significativa.

Elezioni comunali a Imperia: urne chiuse alle 23, ecco lo scenario della composizione del Consiglio Comunale in caso di vittoria di Luca Lanteri o di Claudio Scajola

Manca poco. Alle 23 sono stati chiusi i seggi e tra qualche ora sapremo chi tra Luca Lanteri e Claudio Scajola sarà il prossimo Sindaco di Imperia. A seconda della vittoria di uno o dell’altro candidato, la composizione del Consiglio Comunale muterebbe in maniera significativa. Ricordiamo che il metodo utilizzato è il cosiddetto ‘D’Hondt’, ovvero un proporzionale basato sulla divisione dei voti delle liste per un numero crescente a partire da 1. Sappiamo che chi vince si aggiudica venti posti in Consiglio su trentadue. Alla minoranza ne rimangono dodici.

Se vincesse l’ex Ministro, la lista Imperia Insieme, prima in assoluto con 3042 voti porterebbe in dote nove consiglieri: Antonio Gagliano, Luca Volpe, Laura Gandolfo, Claudio Ghiglione, Marcella Roggero, Pino Camiolo, Innocente Ramoino, Luca Falciola e Sonia Ilacqua. Sette entrerebbero con Obiettivo Imperia: Simone Vassallo, Roberta Minasso, Nicoletta Oneglio, Daniele Ciccione, Paolo Ornamento, Ester D'Agostino e Stefano Pugi. Quattro sarebbero i consiglieri di Area Aperta: Giuseppe Fossati, Giuseppe Falbo, Orlando Baldassarre e Vincenzo Garibbo, mentre rimarrebbe fuori dal Consiglio il Popolo della Famiglia. 

Alla minoranza di centrodestra andrebbero sei consiglieri. Uno di questi sarebbe il candidato Sindaco Luca Lanteri. Due posti dovrebbero andare a Forza Imperia che eleggerebbe Gianfranco Gaggero e Antonello Ranise, un altro alla Lega che andrebbe a Monica Gatti. Gli ultimi due spetterebbero a Progetto Imperia: Alessandro Savioli e Vince Imperia: Davide La Monica. Il centrosinistra piazzerebbe un totale di cinque consiglieri: il candidato Sindaco Guido Abbo, i primi due candidati in Consiglio del Partito Democratico: Enrica Chiarini e Fabrizio Risso, uno della civica a sostegno di Abbo, Imperia al Centro: Edoardo Verda e uno di Imperia di Tutti Imperia per Tutti: Roberto Saluzzo. L’ultimo posto sarebbe occupato dalla candidata Sindaca del MoVimento 5 Stelle Maria Nella Ponte. Fuori dal Consiglio tutti gli altri candidati delle liste che non hanno raggiunto la soglia di sbarramento.

In caso di vittoria di Luca Lanteri, lo scenario cambierebbe, ovviamente a favore della sua coalizione che porterebbe in Consiglio sette rappresentanti per Forza Imperia, quindi oltre ai già citati Gaggero e Ranise, anche Piera Poillucci, Ida Acquarone, Luisella Ferro, Angelo Francesco Dulbecco e Carlotta Lanteri. Alla Lega andrebbero cinque consiglieri. A Monica Gatti si accoderebbero Mattia Sasso, Cinzia Gambetta, Alessandro Vivaldi e Claudio Campanini. Quattro per Progetto Imperia: Alessandro Savioli, Fulvio Balestra, Silvia Brancatisano e Susanna Palma, tre per Vince Imperia: Davide La Monica, Patrizia Seguini e Enrico Siccardi, e uno per Fratelli d'Italia: Filippo Duberti.

Claudio Scajola sarebbe il capogruppo della sua minoranza composta, oltre all’ex Ministro, dai primi due consiglieri di Imperia Insieme e i primi due di Obiettivo Imperia ed i primi due di Area Aperta. Al centrosinistra spetterebbe un Consigliere in meno, sarebbero infatti quattro in totale. A farne le spese Roberto Saluzzo di Imperia di Tutti Imperia per Tutti. Immutata la situazione per quanto riguarda il MoVimento 5 Stelle che vedrebbe eletta Maria Nella Ponte e le altre liste rimaste fuori dal Consiglio Comunale. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium