/ Politica

Politica | 24 giugno 2018, 12:10

Aleksandra Matikj si unisce a richiesta di conferimento medaglia d’oro al valor civile al Migrante che ha salvato la vita a due bambini

La Presidentessa del 'Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione' sottolinea che "Cheikh Samba Beye ha rischiato la propria vita per salvare quella degli altri: per questo merita un Riconoscimento ufficiale del Sindaco"

Aleksandra Matikj si unisce a richiesta di conferimento medaglia d’oro al valor civile al Migrante che ha salvato la vita a due bambini

«Un Appello, il nostro, che si unisce a quello della lettrice che ieri ha scritto al Sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano: “Merita una medaglia d’oro al valor civile”, - così Aleksandra Matikj, Presidentessa del "Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione" - siamo assolutamente d'accordo. L'eroe in questione è Cheikh Samba Beye, detto Samba, Senegalese di 43 anni, ha salvato due bambini mentre affogavano quel 19 giugno scorso nella spiaggia del comune vicino all’impresa balneare Margunaira, davanti ai genitori, bagnini, e turisti vari». 

«In quella piccola ma bellissima cittadina - continua la Matikj - con le ultime forze politiche di estreme Destre, il sinonimo di essere Migranti è diventato un fenomeno negativo e non è giusto. Tante sono le bufale su noi Stranieri che in Italia gli hanno portato milioni di voti, tanti sono i siti e le pagine Facebook che diffondono ed istigano all'odio razziale contro di noi. Alcuni siamo riusciti a farli chiudere tramite le Autorità giudiziarie, gli altri li stiamo segnalando. Il problema di Ventimiglia con il confine della Francia che non fa entrare gli Immigrati è oramai diventato un caso di vergogna nazionale ed anche noi da Genova ci chiediamo che fine ha fatto: "Liberté, égalité, fraternité (in italiano Libertà, uguaglianza, fratellanza)". 

Intanto, adesso che la gendarmeria francese chiede i documenti anche agli Italiani contestando i rapporti tra l'Italia e i cugini transalpini, di recente lo stesso Sindaco Ioculano aveva detto che viaggerà insieme ai frontalieri per capire in che modo avvengono questi controlli a bordo dei treni. Ora che a Ventimiglia possono capire come ci sentiamo anche noi Migranti, purtroppo, è un inizio per iniziare a comprendere quanto a volte è difficile per noi ottenere i documenti ed integrarsi, essere rispettati. Cheikh Samba Beye ha rischiato la propria vita per salvare quella degli altri: per questo merita un Riconoscimento ufficiale del Sindaco».

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium