/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 18 giugno 2018, 15:56

Imperia: vende un escavatore su Subito.it ma gli rifilano assegni falsi per 54mila euro. Due condanne in tribunale

Aveva affidato a Subito.it, uno dei principali portali per le compravendite online, la vendita del proprio escavatore, ma mai avrebbe immaginato di trovarsi di fronte a due truffatori

Aveva affidato a Subito.it, uno dei principali portali per le compravendite online, la vendita del proprio escavatore, ma mai avrebbe immaginato di trovarsi di fronte a due truffatori. È successo a un imperiese nel 2012, quando l’uomo aveva messo in vendita il mezzo per 54mila euro.

Poco dopo era arrivata la risposta di un potenziale acquirente, un certo Mezzatesta, di cui però non vi sono tracce a parte uno scambio di email. Il venditore si è fidato e ha e fissato un appuntamento al quale si è presentato Italo Barbangelo, già noto per reati contro il patrimonio. I due hanno raggiunto un accordo e a un secondo incontro è avvenuta la transazione con assegni da 54mila euro, risultati poi falsi.

Questa mattina il giudice Sonja Anerdi ha condannato Barbangelo, assistito dall’avvocato Tania Dimarcoberardino, a un anno e sei mesi per la truffa. Insieme a lui, condannato, sempre a un anno e sei mesi, un altro personaggio noto alle cronache, già in carcere per altre vicende: Fabio Fioravanti, difeso dall’avvocato Sandro Lombardi. Lui è accusato di aver gestito i contatti via mail e al telefono con la vittima.

Assolto un terzo imputato: Rudi Vasil, inizialmente accusato di aver preso parte alla truffa come autista dei due, ma il legale Endrit Fufi ha dimostrato la sua innocenza, spiegando che il suo assistito aveva accompagnato i due sul luogo degli appuntamenti, ma che non fosse a conoscenza delle intenzioni malavitose di Fioravanti e Barbangelo.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore