/ Attualità

Attualità | 17 giugno 2018, 13:32

Nel futuro di Ospedaletti una nuova scogliera davanti alla ex stazione per proteggere le spiagge, il Comune affida l’incarico per il progetto preliminare

Un lavoro da oltre un milione di euro grazie ai finanziamenti della Regione

Il lungomare di Ospedaletti

Il lungomare di Ospedaletti

Dopo molti piccoli interventi finanziati dalla Regione Liguria per la sistemazione delle spiagge, il Comune di Ospedaletti vuole ora mettere in cantiere un progetto che sia definitivo e risolutivo.

Nel futuro della Città delle Rose c’è la costruzione di un nuovo “pennello” davanti alla ex stazione, una scogliera che possa proteggere dalle mareggiate le spiagge della zona, fino ai bagni “La Scogliera”. Come noto, infatti, le spiagge di Ospedaletti ogni anno subiscono danni ingenti per via delle mareggiate che si abbattono sulla costa. Gli interventi svolti fino ad ora sono stati utili ma non risolutivi.

Il Comune di Ospedaletti ha dato l’incarico per un progetto preliminare per realizzare davanti alla ex stazione il prosieguo della costruzione dei “pennelli” – annuncia a SanremoNews il Vice Sindaco Marco Roverio – un altro lotto di interventi come quelli che già sono stati realizzati, un investimento da oltre un milione di euro. Il “pennello” davanti alla ex stazione permetterà il rinascimento fino alla spiaggia dei bagni “La Scogliera”. Ci siamo attivati con gli uffici della Regione per il progetto preliminare e per uno studio. Una volta che il progetto sarà finito e premettendo che il Comune farà il massimo per cofinanziare l’opera in proporzione alle sue disponibilità, se arriveranno i fondi dalla Regione procederemo con i lavori”.

Quali i tempi? “Il primo passaggio sarà fare i rilievi – spiega Roverio – entro l’autunno finiremo il lavoro di studio e di progettazione preliminare. Se arriva una buona quota di finanziamento saremo pronti a partire in inverno”.

Sarebbe opportuno che si impegnasse per fare un intervento “una tantum”, che sia definitivo e non tutti gli anni spendere fondi regionali per interventi che sono sì utili, ma non sono la soluzione definitiva – conclude Roverio – i “pennelli” hanno bisogno di manutenzione ma sono utili e i risultati degli scorsi anni lo dimostrano”.

Il primo passaggio, quindi, sarà la stesura del progetto preliminare per poi andare alla ricerca del finanziamento regionale. In inverno, se tutto andrà per il meglio, si potrà partire.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium