/ Attualità

Attualità | 16 giugno 2018, 07:18

Faccia a faccia con il fenomeno Sanrememes: “Sanremo è un “meme” abitabile, ogni angolo è fonte di ispirazione. Non ci piace chi si lamenta e aspetta un passo falso per sputare odio”

Satira intelligente e creativa in salsa matuziana, SanremoNews ha incontrato gli anonimi creatori della pagina Facebook in costante espansione

Faccia a faccia con il fenomeno Sanrememes: “Sanremo è un “meme” abitabile, ogni angolo è fonte di ispirazione. Non ci piace chi si lamenta e aspetta un passo falso per sputare odio”

Stanno per compiere un anno di attività. Dodici mesi da quando, a bordo di un motorino, hanno deciso di creare Sanrememes. Nel mare sconfinato di Facebook popolato da odio, ignoranza e superficialità, talvolta si incontrano piccole isole di geniale creatività. E Sanremo, per fortuna, non fa eccezione.

Non vogliono far sapere chi sono, ma possiamo immaginare siano universitari fuori sede. Non sappiamo che posti frequentino, ma ci lasciando intendere di conoscere bene quasi ogni angolo della loro città. I ragazzi di Sanrememes meritano la vetrina che si sono guadagnati in un anno di lavoro e, nei giorni della loro doverosa mobilitazione per salvare il “kebabbaro” di piazza Colombo, li abbiamo incontrati.

Chi (e quanti) siete?
“Siamo 4 amici di vecchia data”.

Vivete a Sanremo?
“Siamo tutti e nati e vissuti a Sanremo o in zone immediatamente limitrofe. La metà di noi è spesso costretta fuori città per motivi di studio e di lavoro ma si torna spesso e volentieri al nido ogni volta che si presenta l'occasione”.

Come e quando è nata l’idea Sanrememes?
“L'idea di Sanrememes prende vita nella calda estate del 2017, a bordo di uno scooter dopo un pomeriggio al mare (no, non tutti e 4 sulla stessa moto). In quel periodo fiorivano ogni giorno pagine e pagine di “meme” dedicate agli argomenti più strani e particolari: fare due più due fu automatico. Sanremo è un “meme” abitabile, non potevamo non valorizzare questa innata qualità”.

Da dove arriva l’ispirazione per i vostri “meme”?  Quali sono i temi più “memabili”?
“Le basi da cui partire sono molteplici e sparse tra i vari social (Reddit e 4chan in primis). Riguardo alle ispirazioni, la magica vita Sanremese è più che sufficiente per aiutarci nella realizzazione dei contenuti. Sanremo è una fonte inesauribile di idee: ogni angolo di strada è unico e caratteristico. Ci capita spesso di girare in centro e, semplicemente guardandoci intorno, annotarci in tempo reale idee e spunti sulla chat condivisa tra noi amministratori. Tra i temi più “memabili” non possiamo non citare l’ormai iconica statua di Mike, vera istituzione locale”.

E ci sono temi che vorreste “memare” ma non “memate” per non rischiare il linciaggio social?
“Assolutamente! Esistono locali ed eventi che non sopportiamo e su cui talvolta ci lasciamo andare eccessivamente. Fortunatamente, ogni “meme” in cantiere viene passato al vaglio prima della sua pubblicazione: i “meme” bocciati vengono conservati in una cartella denominata “memoni hardcore”. Dovreste vederla. Dentro ci sono le immagini più controverse e sperimentali. Pura avanguardia memica”.

Cosa pensate dei “leoni da tastiera” e dell’odio social che si è sviluppato negli ultimi anni?
“Se l'odio fa schifo, l'odio social è la sua peggior categoria. Per noi l’internet non è altro che un’oasi di pace e tranquillità su cui sollazzare tra una preoccupazione e l'altra, nonché una validissima fonte di informazione se adoperata con cura e minuzia. Di odio ahimè spesso ce n’è già a sufficienza nella vita reale, motivo per cui ne approfittiamo per ricordare a tutti i nostri lettori che, laddove sia impossibile condurre una discussione produttiva, i tasti “Segnala” e/o “Rimuovi Amicizia” esistono e non costano nulla. Pulite le vostre bacheche e il vostro fegato vi ringrazierà”.

In altre città della zona ci sono pagine simili (Ventimiglia ne è un esempio), tra voi c’è concorrenza o collaborate?
“La realtà locale è più florida che mai. Nessuna concorrenza, anzi reciproco rispetto e grande ammirazione. Siamo entrati in contatto con alcuni degli amministratori delle altre pagine e sogniamo una grande pizzata collettiva. G8 scansati. Un saluto agli amici di Ventimiglia Leghe, L'Atroce Intemelia e Genowa”.

Sapete che il Sindaco Biancheri vi segue ed è informato sui vostri “meme”? Vi siete mai conosciuti?
“Ecco, questa è una cosa che ci scalda il cuore. Vorremmo potervi mandare una sfilza di cuoricini emoji in successione ma immaginiamo che il vostro sito non li supporti. Non ne eravamo assolutamente al corrente e, purtroppo, non abbiamo mai avuto l’opportunità di conoscerlo personalmente: ci piacerebbe molto ma la volontà di conservare l’anonimato (ahinoi) non facilita le cose”.

Lanciate un messaggio, un consiglio o una critica al Sindaco…
“Nessuna critica. Apprezziamo il suo modo di vedere la città e gli sforzi quotidiani per donarle la dignità che merita: la recente pubblicazione del progetto del Palazzetto dello Sport ne è la conferma. Ci dispiace per la chiusura del kebabbaro in piazza ma quella è più una questione di cuore. Ci mancherà”.

Parlando seriamente, che cosa vi piace e che cosa non vi piace di Sanremo?
“Sanremo è un posto speciale. Potresti viverci per anni senza apprezzarne la bellezza e accorgertene improvvisamente non appena le stai distante per più di un mese o due. Ce ne siamo accorti proprio durante i nostri studi universitari: per quanto la grande città sia un’incredibile ed insostituibile sorgente di opportunità, nulla può sostituire la sensazione di calore che proviamo ogni volta che ritorniamo a casa col treno (sensazione di calore che improvvisamente scompare non appena vediamo l'immenso tunnel che ci separa dalla macchina e i 200 chili di bagagli che dovremo spingere in questo calvario). Non ci piace l’atteggiamento di sfiducia di alcuni suoi abitanti, pronti a muovere critiche senza apprezzare i passi avanti o in trepidante attesa di un passo falso per sputare odio contro le istituzioni locali. Sono le stesse persone che non appena si spostano di qualche chilometro iniziano a dire “Eh ma noi abbiamo il mare, il clima mite, da noi si sta bene mica come qua”. Grr reactions only”.

Cosa c’è nel futuro di Sanrememes?
“La sessione estiva e a seguire un po’ di mare e tanti, tanti “meme” per i nostri fan a cui mandiamo un caloroso abbraccio. Vi vogliamo bene”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium