/ CRONACA

CRONACA | 15 giugno 2018, 11:32

Ventimiglia: l'On. Mulè denuncia "Sceriffi della Sncf contro i migranti", ma è un normale servizio di controllo attuato già da un anno

A Ventimiglia la Sncf ha ‘ingaggiato’ alcune guardie giurate de ‘La Vigile’, una nota agenzia di vigilanza privata italiana, affinchè facciano le opportune verifiche sui convogli transalpini, dopo che questi vengono puliti e chiusi, in attesa di ripartire dalla stazione della città di confine.

Ventimiglia: l'On. Mulè denuncia "Sceriffi della Sncf contro i migranti", ma è un normale servizio di controllo attuato già da un anno

Dopo le ultime telefonate tra Roma e Parigi, sembra più disteso il clima tra Italia e Francia a poche ore dalle invettive legate alla nave ‘Acquarius’ ma, a poche ore dall'incontro tra Macron ed il premier italiano Giuseppe Conte, c’è anche chi getta benzina sul fuoco per la situazione migranti, al confine italo-francese. Il deputato di Forza Italia (eletto tra l’altro nel collegio ponentino) Giorgio Mulè, afferma che al confine la Sncf (la società che gestisce il trasporto ferroviario francese), avrebbe ingaggiato alcune guardie armate di una società privata italiana, in modo da evitare che i migranti non regolari, possano salire sui treni diretti oltr’alpe.

Secondo Mulè, quanto fatto dalla Sncf conferma l'inaffidabilità che i francesi che, come riporta il report di Oxfam (cliccando QUI), evidenzierebbe gli abusi dei poliziotti francesi su migranti e minorenni. Secondo Mulè le guardie giurate ‘assunte’ dai francesi sarebbero una sorta di sceriffi “Che per evitare invasioni come quella di Bardonecchia, vuole sopperire alla presunta carenza dei controlli italiani”. Lo stesso Mulè ha definito queste guardie giurate come una ‘Mini Legione straniera’ ed ha auspicato che, a Ventimiglia venga destinato un congruo numero di forze dell'ordine per mantenere la dignità di uno Stato che deve essere in grado di controllare le sue frontiere”.

Secondo fonti ben informate raggiunte a Ventimiglia, non si tratta di un controllo per evitare che i migranti clandestini salgano sui treni per andare in Francia. Lo è solo in parte ma vale per tutti ed accade in molte altre stazioni.

A Ventimiglia la Sncf ha ‘ingaggiato’ alcune guardie giurate de ‘La Vigile’, una nota agenzia di vigilanza privata italiana, affinchè facciano le opportune verifiche sui convogli transalpini, dopo che questi vengono puliti e chiusi, in attesa di ripartire dalla stazione della città di confine. In pratica le guardie, al termine del lavoro delle squadre di pulizia, verificano che nessuno sia salito sui treni e che, effettivamente, le carrozze siano state pulite. Il servizio assunto dalla Sncf non è iniziato adesso, ma è già in atto da circa un anno.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium