/ AL DIRETTORE

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | sabato 26 maggio 2018, 15:47

Richiesta di certificato patrimoniale per gli stranieri, intervento del Coordinamento Provinciale di Forza Nuova

"Consideriamo che l'unica esatta e certa applicazione per impedire ai ‘truffatori’ stranieri del welfare italiano, sia l'assoluta applicazione della richiesta del certificato consolare patrimoniale come ribadisce chiaramente il DPR 445/2000"

Richiesta di certificato patrimoniale per gli stranieri, intervento del Coordinamento Provinciale di Forza Nuova

“Recentemente Forza Nuova si è fatta promotrice di vari esposti aventi per oggetto sia il Decreto presidenziale 445/2000, e sia le normative che riportano all'applicazione per i benefit sociali e case popolari. Queste azioni si sono rese a nostro avviso indispensabili, affinché gli stranieri vengano indotti così come prevede la legge, a consegnare alla pubblica amministrazione il resoconto dei beni detenuti all'estero, al fine di impedire a stranieri abbienti di sfruttare i benefici del walfare italiano danneggiando i veri bisognosi italiani". Ad intervenire sull'argomento è il Coordinamento Provinciale di Forza Nuova che continua: "Pertanto non siamo affatto stupiti del rifiuto da parte della Corte Costituzionale che ha considerato inaccettabile la legge regionale ligure fatta dalla giunta Toti, poiché avevamo già evidenziato che l'unico strumento legittimo per impedire l'accesso agli stranieri, che poi hanno case di proprietà all'estero, fosse quello di richiedere loro il certificato consolare patrimoniale.

Come sempre, le proposte di Forza Nuova, sono assolutamente appropriate ed ortodosse. Al contrario, invece, quelle di altre formazioni politiche che non hanno conoscenza in merito all'imperatività delle leggi, si manifestano facendo solo demagogia di bassa lega che al posto di risolvere i problemi, ne crea solamente di nuovi. Consideriamo quindi che l'unica esatta e certa applicazione per impedire ai ‘truffatori’ stranieri del welfare italiano, sia l'assoluta applicazione della richiesta del certificato consolare patrimoniale come ribadisce chiaramente il DPR 445/2000. Agendo in questo modo, gli interessi legittimi degli italiani non verranno meno rispetto agli interessi dei truffatori del welfare.

Coordinamento Provinciale
Forza Nuova”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore