/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 24 maggio 2018, 12:44

Taggia: il rettore dell'università del Cile in visita dal sindaco Mario Conio, "Sono tantissimi i tabiesi trasferitisi a Conceptiòn" (Video)

Il sindaco Conio ha salutato il rettore lasciandogli in dono numerosi volumi sulla storia tabiese. L’incontro è terminato con un arrivederci e con la promessa di intavolare nuove relazioni tra Taggia e Conceptiòn.

Taggia: il rettore dell'università del Cile in visita dal sindaco Mario Conio, "Sono tantissimi i tabiesi trasferitisi a Conceptiòn" (Video)

Il rettore dell’Università del Cile, il dott. Ennio Vivaldi ha incontrato il sindaco di Taggia Mario Conio. Una visita inattesa questa mattina nel municipio tabiese.

Vivaldi è un cognome originario di questa terra, proprio perché le sue radici sono a Taggia. È così che di passaggio da una congresso tenutosi a Salamanca, in Spagna, il rettore cileno ha voluto fare una incursione nella terra che ha dato i natali ai suoi avi. Una visita organizzata insieme ai suoi famigliari, la sorella, la figlia ed i nipoti.

L’incontro con il primo cittadino di Taggia ha permesso di intavolare un primo discorso su futuri scambi culturali con una realtà cilena dove oggi vive una numerosa comunità che può vantare origini tabiesi. Stiamo parlando di Conceptiòn, una delle città più antiche di tutta la nazione, in quanto fondata nel 1550. Lì è nato Vivaldi che oggi ha 68 anni ma ricorda ancora cosa gli raccontava la nonna quando parlava di Taggia e del ponte romanico.

“Questa è una opportunità meravigliosa. Taggia è profondamente nel nostro cuore, i nostri nonni, Augusto Vivaldi e Iolanda Cicchero, sono di Taggia. La mia famiglia voleva venire qui a spendere due giorni qui. C’è stato un grande flusso migratorio da Taggia verso la città di Conceptiòn dove sono nato. Quell’immigrazione  è un esempio. Ha lasciato molti rapporti tra i taggiaschi e gli abitanti di Conceptiòn, dove lì si parlava il dialetto originario di Taggia. La mia nonna ricordava l’Italia lasciata, come tutti i migranti che congelano il ricordo. In questi giorni, in cui bisogna avere uno sguardo umano verso l’immigrazione, fare un ricordo di quella bellissima  immigrazione dei taggiaschi, sarebbe importante ed avrebbe un messaggio di umanità. Penso che si potrebbe fare qualcosa con Conceptiòn. Lì ci sono molti cognomi originari di Taggia, come Vivaldi, Cicchero o Anfossi. Noi vogliamo fare onore a quella esperienza”.

Il sindaco Conio ha salutato il rettore lasciandogli in dono numerosi volumi sulla storia tabiese. L’incontro è terminato con un arrivederci e con la promessa di intavolare nuove relazioni tra Taggia e Conceptiòn.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium