/ POLITICA

POLITICA | 23 maggio 2018, 15:54

Bordighera: alcuni candidati non sono stati invitati ad un incontro organizzato dall'assessore regionale Viale sull'ospedale, la lista Bordighera Vince chiede imparzialità

"Invitiamo l’Assessore Regionale alla sanità a rilasciare una dichiarazione pubblica, che l’iter volto alla privatizzazione dell’Ospedale di Bordighera sarà indipendente da quale sia il sindaco che i cittadini eleggeranno".

Bordighera: alcuni candidati non sono stati invitati ad un incontro organizzato dall'assessore regionale Viale sull'ospedale, la lista Bordighera Vince chiede imparzialità

"Invitiamo l’Assessore Regionale alla sanità a rilasciare una dichiarazione pubblica, che l’iter volto alla privatizzazione dell’Ospedale di Bordighera sarà indipendente da quale sia il sindaco che i cittadini eleggeranno".  

La richiesta è stata avanzata dalla lista Bordighera Vince per la candidatura a sindaco di Vittorio Ingenito. La questione riguarda un incontro pubblico sull'annosa questione dell'Ospedale della città delle palme.

"Dalle pagine locali dei quotidiani apprendiamo che l’assessore regionale alla sanità Sonia Viale, ha organizzato un incontro pubblico sul futuro dell’Ospedale di Bordighera e, specificatamente, sul tema “Ospedale, sanità, e Comune di Bordighera” e che a tale iniziativa è stato invitato solamente il sindaco uscente. Su questo tema importante, riteniamo utile chiarire la posizione della nostra lista" - sottolineano da Bordighera Vince. 

“Il progetto di privatizzazione non ci vede contrari. Su questo punto però, occorre assoluta chiarezza per tutti gli abitanti di Bordighera e del comprensorio: dovranno essere stanziate risorse finanziarie sufficienti per permettere il funzionamento di un Pronto Soccorso vero, con tutte  le specialità che richiede e con un funzionamento 24 ore su 24.Su questo aspetto non ci possono essere vie di mezzo. O un Pronto Soccorso è tale a tutti gli effetti con tutti parametri richiesti dalla normativa o non può svolgere tale attività con gravissime conseguenze per l’ospedale della nostra città".

"Soluzioni con finanziamenti limitati e provvisori da parte della Regione Liguria  non consentirebbero la realizzazione di un Pronto Soccorso perfettamente funzionante e attivo, come più volte promesso e assicurato dalla Regione Liguria e dall’assessore Viale, e dunque troverebbero una rigida contrapposizione da parte di “Bordighera Vince”. - affermano dalla lista a sostegno del candidato sindaco Ingenito - Pensiamo che l’ospedale di Bordighera debba essere uno dei punti vitali per il nostri cittadini, quale garanzia di servizi sanitari nonché di polo di riferimento anche per un significativo turismo sanitario: in questa logica il Pronto Soccorso non può essere una semplice promessa preelettorale".

"Prendiamo atto infine, che l’assessore regionale alla sanità, pur rivestendo un ruolo istituzionale, è impegnata in prima persona  a promuovere la campagna elettorale del sindaco uscente e della sua lista: per questo motivo, Ciò a garanzia dell’imparzialità della Amministrazione regionale nei confronti di una questione che è a cuore di tutti i cittadini di Bordighera e che non può essere oggetto di eventuali strumentalizzazioni durante le campagne elettorali" - chiosano da Bordighera Vince.

C.S.E.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium