/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | martedì 22 maggio 2018, 08:14

Ventimiglia: giovedì scorso la consegna del riconoscimento 'Melvin Jones Fellow' a Roberto Balbo

La targa e la spilla sono stati consegnati alla vedova Marina, dal Governatore del distretto Lions 108Ia3, Gian Costa, che ha voluto sottolineare la capacità di Roberto di identificare i bisogni e provvedere alle soluzioni.

Il Lions Club Ventimiglia ha conferito, giovedì scorso, alla memoria del compianto socio Roberto Balbo il massimo riconoscimento della LCIF (Lions Clubs International Foundation): il Melvin Jones Fellow.

La targa e la spilla sono stati consegnati alla vedova Marina, dal Governatore del distretto Lions 108Ia3, Gian Costa, che ha voluto sottolineare la capacità di Roberto di identificare i bisogni e provvedere alle soluzioni. “Ricordo benissimo il giorno in cui ho conosciuto Roberto - ha detto il Governatore - era a giugno dello scorso anno, il giorno dell’inaugurazione di tre defibrillatori posizionati dal Lions Club Ventimiglia, due dei quali erano stati acquistati grazie al suo contributo. Durante il successivo piccolo rinfresco Roberto affiancò un socio del Club e gli chiese quanto costasse acquistare un cane guida per non vedenti dal centro cani guida Lions di Limbiate. Gli fu risposto che l’addestramento di un cane guida costa 12.000 euro. La sua risposta fu immediata: il 26 agosto, per San Secondo, faremo anche questo”.

Ed in effetti, così fu. Adesso, grazie a Roberto, il cane guida “Sailor” assiste un non vedente di Alghero. “L’unico rimpianto – ha concluso la Presidente del Club Erika Demaria - oltre a quello di non poter godere più della sincera amicizia di Roberto, è quello di aver perso una persona che era Lion prima ancora di diventarlo”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore