/ Cronaca

Cronaca | 21 maggio 2018, 12:03

Sanremo: prima applicazione del 'Daspo Urbano', nuovo anfratto occupato dai clochard vicino alla stazione (Foto e Video)

5 italiani e 2 romeni si erano accampati con coperte, teli e masserizie di vario genere, approfittando della crescita di un canneto, che consentiva loro una maggiore ‘privacy’.

Sanremo: prima applicazione del 'Daspo Urbano', nuovo anfratto occupato dai clochard vicino alla stazione (Foto e Video)

Nuova operazione della Polizia Municipale di Sanremo, questa mattina all’interno dei giardini delle Carmelitane, nella zona della stazione ferroviaria di corso Cavallotti, nei confronti di clochard e disadattati, che avevano occupato la zona.

Questa mattina è stato applicato, per la prima volta a Sanremo, il provvedimento del ‘Daspo Urbano’, a 5 italiani e 2 romeni, che si erano accampati con coperte, teli e masserizie di vario genere, approfittando della crescita di un canneto, che consentiva loro una maggiore ‘privacy’. Gli agenti sono intervenuti con gli operai di Amaie Energia e con gli operatori dell’ufficio giardini. I primi hanno rimosso coperte e teli mentre i secondi hanno provveduto al taglio del canneto, per evitare nuovi insediamenti.

Il Comandante della Municipale, Claudio Frattarola ha spiegato l’operazione di oggi: “Abbiamo applicato, per la prima volta le modifiche al regolamento di polizia urbana, che prevedono la possibilità di applicare il cosiddetto ‘Daspo Urbano’, anche nei parchi e nelle zone urbane della città. Quello di oggi è un primo intervento ed altri sono previste in altre zone. Cercheremo di essere assidui in questo tipo di attività, per iniziare le procedure nei confronti di queste persone, per arrivare un loro allontanamento definitivo”. Come avete agito operativamente? “Il provvedimento applicato questa mattina è quello previsto dal decreto Minniti e che prevede l’allontanamento ed il divieto di stazionare nelle successive 48 ore. Ora controlleremo se ottempereranno ed il nostro obiettivo è quello di continuare a fare operazioni di questo genere, nel rispetto della decisione del Consiglio comunale. E per noi è una priorità”.

Operazioni come quelle di questa mattina proseguiranno, ad opera della Polizia Municipale, anche in altre zone della città e in maniera continuativa. Con l’arrivo del caldo, ovviamente, le zone all’aperto occupate da clochard e questuanti, come ogni anno sono sempre maggiori. Ma, con interventi di questo genere, l’Amministrazione e la Municipale vogliono mettere un freno.

Nei mesi scorsi lo stesso luogo era stato interamente ripulito dopo la scoperta di altri clochard, che lo avevano adibito a loro 'abitazione'.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium