/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 21 maggio 2018, 17:18

Arma di Taggia: incendio di stanotte, due le auto distrutte e 5 quelle danneggiate, per ora l'ipotesi è del corto circuito

L’unica certezza nelle mani dei Carabinieri è quella che i proprietari delle auto sono tutti incensurati e che non sono stati trovati inneschi, attorno alle vetture. Al momento, quindi, l’ipotesi più accreditata per l’incendio è quella del corto circuito a bordo della Lancia Y, ma qualche particolare non convince ancora gli inquirenti.

I Carabinieri della Compagnia di Sanremo stanno ascoltando i testimoni dell’incendio che, questa notte poco dopo le 24, ha distrutto due auto, danneggiandone altre tre, nel parcheggio delle ex scuole, in via Papa Giovanni XXIII ad Arma di Taggia. Un incendio, che ha seguito alcune esplosioni udite distintamente dai residenti.

Al momento, dalle indagini svolte nelle ultime ore, è stato appurato che le fiamme sono divampate da una Lancia Y, per estendersi poi ad una vettura vicina, entrambe distrutte, lambendo altre tre vetture, rimaste seriamente danneggiate. Sul posto, questa notte, sono prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco di Sanremo, che hanno spento le fiamme e messo in sicurezza le due auto.

L’unica certezza nelle mani dei Carabinieri è quella che i proprietari delle auto sono tutti incensurati e che non sono stati trovati inneschi, attorno alle vetture. Al momento, quindi, l’ipotesi più accreditata per l’incendio è quella del corto circuito a bordo della Lancia Y, ma qualche particolare non convince ancora gli inquirenti.

Purtroppo attorno al parcheggio non ci sono telecamere e, quindi, non sarà facile risalire ad eventuali movimenti attorno alle auto parcheggiate. Ora i Carabinieri ascolteranno altri testimoni, per capire con precisione cosa sia realmente accaduto.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore