/ ECONOMIA

ECONOMIA | 26 aprile 2018, 10:46

HIV: Perché Fare il Test Oggi

I vantaggi dell’effettuare un test HIV oggi superano di gran lunga le conseguenze.

HIV: Perché Fare il Test Oggi

I vantaggi dell’effettuare un test HIV oggi superano di gran lunga le conseguenze. Non tutti sanno, infatti, che oltre 120.000 persone nel nostro Paese convivono con l’HIV, ma circa il 20% non lo sa: questo perché l’infezione può essere asintomatica per molti anni.

Ma che cos’è l’HIV? L’HIV è il virus da immunodeficienza umana che causa l’AIDS (sindrome di immunodeficienza acquisita), attaccando e indebolendo il sistema immunitario fino a rendere difficile al corpo di contrastare le altre malattie infettive. Fare il test è fondamentale perché, attraverso una diagnosi precoce è possibile, in caso di esito negativo, mettersi il cuore in pace e andare avanti tranquillamente con la propria vita, oppure iniziare con un’adeguata terapia farmacologica che consenta di tenere a bada la malattia, in caso di positività all’HIV. Prima si scopre l’infezione e meglio è!

 

1.  Quali sono le persone più a rischio e come si trasmette?

A differenza degli anni 80-90, quando si pensava che il problema dell’AIDS fosse esclusivo appannaggio degli omosessuali e dei tossico dipendenti, oggi possiamo affermare con certezza e addirittura dire ad alta voce che non esiste niente di più ingiusto e sbagliato. Anzi, questo tipo di pensiero non fa altro che peggiorare le cose e non ci aiuta a proteggerci. Sì, perché l’HIV oggi può riguardare chiunque e la vera popolazione a rischio è quella che non usa il preservativo, indipendentemente che si tratti di relazioni eterosessuali o omosessuali. Basti pensare al contagio madre-figlio: ogni giorno nel mondo nascono 600 bambini sieropositivi.

È vero che è sufficiente avere contatti quotidiani con chi è sieropositivo o malato di AIDS per essere contagiati? Un altro falso mito! Il virus HIV si trasmette solo tramite sangue infetto, liquido seminale, secrezioni vaginali e latte materno di persone sieropositive e la modalità più diffusa è quella sessuale. 

 

2.  Quali sono i sintomi?

Come anticipato all’inizio dell’articolo, l’infezione da HIV è caratterizzata da un lungo periodo asintomatico, durante il quale il sistema immunitario viene a poco a poco danneggiato, distruggendo i globuli bianchi che aiutano l’organismo a combattere infezioni e malattie. Solo in alcuni casi possono svilupparsi dei sintomi, peraltro piuttosto comuni alla normale influenza (come febbre, dolori muscolari, mal di gola, tosse ecc.). Per questo motivo, l’unico modo per scoprire se si è contratto l’HIV è attraverso test specifici, come ad esempio:

- Test Elisa: non ricerca direttamente il virus nel sangue, ma rileva gli anticorpi anti-HIV;

- Combo Test: oltre a individuare gli anticorpi anti-HIV, è in grado di rilevare anche la presenza dell’antigene P24, una particolare proteina che compare dopo pochi giorni dal contagio;

- Test HIV autodiagnostici: veri e propri kit fai-da-te che consentono di diagnosticare la presenza del virus direttamente a casa propria, nella privacy più totale e in modo facile ed efficace per tutti. L’autotest al momento più affidabile sul mercato è il Test HIV Casa INSTI che consente addirittura di rilevare il virus in soli 21-22 giorni dal contagio ed è facilmente reperibile online.

 

3.  Voglio fare il test, ma ho paura del giudizio della gente

Niente di più comprensibile e normale! Emarginazione, giudizio della gente, un cambio radicale del proprio stile di vita, sono tutti timori molto comuni e più che giustificabili. Ma questo tipo di paura non può e non deve impedirci di prendere la situazione in mano e scegliere di dire sì a un’aspettativa di vita migliore e più sana anche per le persone che ci circondano. Perché è un dato di fatto che, da quando la malattia fu scoperta nei primi anni ’80, il trattamento del virus ha fatto passi da gigante, garantendo a chi ne è affetto di poter condurre una vita quasi del tutto normale a patto di portare avanti un’adeguata terapia farmacologica, che tenga a bada la malattia ed elimini il rischio di contagio.

Se desideri tutelare la tua privacy e hai a cuore l’attendibilità del risultato, allora i test HIV fai-da-te sono la soluzione ideale.

Approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il Test HIV Casa INSTI è in grado di rilevare la presenza dell’HIV fino a due settimane di anticipo rispetto ad altri prodotti simili sul mercato, con un risultato affidabile in meno di 60 secondi e una disponibilità immediata a portata di click.

 

4.  E se il risultato fosse positivo?

Indipendentemente che il risultato sia positivo o negativo, essere a conoscenza del tuo stato di salute ti consentirà di non essere un pericolo per te stesso e per gli altri e di evitare altresì il contagio o la diffusione del virus stesso.  

Rispondendo quindi alla tua domanda, qualora il test risultasse positivo, non bisogna sottovalutare gli enormi vantaggi di una diagnosi precoce. Innanzitutto, la possibilità di ricevere cure, assistenza e sostegno adeguati, nonché la consapevolezza di terapie antiretrovirali più efficaci per chi inizia il trattamento precocemente. Senza contare che la qualità della vita delle persone sieropositive oggi è notevolmente migliorata!

Visita il sito www.testhivcasa.com e contribuisci anche tu a una società più sana e consapevole!

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium