/ Politica

Politica | 23 aprile 2018, 16:23

Imperia: campagna elettorale e futuro della raccolta dei rifiuti, il pensiero di Antonio Russo ex consigliere "Scajola è l'uomo migliore per portare a termine l'opera"

"Come al solito andrò controcorrente, ma credo che senza togliere meriti agli altri due, Claudio Scajola possa rappresentare in questo momento la scelta migliore per portare a compimento l’opera”.

Imperia: campagna elettorale e futuro della raccolta dei rifiuti, il pensiero di Antonio Russo ex consigliere "Scajola è l'uomo migliore per portare a termine l'opera"

“Con la presentazione del candidato di centro sinistra si è oramai definito il quadro degli aspiranti sindaci della prossima tornata elettorale. Personalmente, come già ampiamente dichiarato, non ho intenzione ne di presentare ulteriori inutili liste ne tantomeno candidarmi in alcuna di esse. Oggi ai cittadini, più che  l’appartenenza politica, interessa  la capacita del politico di amministrare la città, di mantenere le promesse elettorali fatte. Mi auguro che non avvenga ad Imperia quello che purtroppo sta avvenendo livello nazionale dove i partiti che hanno ricevuto messe di voti hanno paura a governare perchè sanno bene di non potere mantenere fede alle promesse fatte (reddito di cittadinanza in primis)”.

Interviene in questo modo Antonio Russo, commentando l’attuale campagna elettorale ed il futuro della raccolta differenziata. “In questi 5 anni – prosegue - mi sono occupato principalmente dei temi ambientali individuando nella ‘Strategia Rifiuti Zero’, l’unica strada percorribile in grado di portare la Raccolta Differenziata ad un livello percentuale (70/80 %) degno di una società civile. Purtroppo in 5 anni non siamo riusciti a schiodarci da un misero 30/35%. Questo, oltre a determinare un danno economico alla citta (penali per mancato raggiungimento di raccolta differenziata) valutabile nell’ordine di qualche milione di euro, crea un danno ambientale la cui entità e al momento incalcolabile. Purtroppo anche il nostro atteggiamento di cittadini poco responsabili contribuisce a rendere incerto il futuro nostro e dei nostri figli. Non ci rendiamo conto che siamo su una nave che sta affondando inesorabilmente e, nonostante ciò, continuiamo a ballare. Pertanto diventa quantomeno necessario invertire la rotta, tutti noi dobbiamo fare qualcosa, siamo tutti coinvolti nessuno si puo sentire escluso  la colpa non può essere sempre degli altri ed è per questo che non mi preoccuperò più di  dare giudizi ne di puntare il dito contro i presunti responsabili di questo disastro. Se lo vorranno i nostri concittadini a giugno avranno modo di dire la loro. A me preme individuare nei tre possibili candidati, in rigoroso ordine alfabetico, Abbo, Lanteri e Scajola, quello che al di là delle condivisioni politiche possa farsi carico del progetto ‘Rifiuti Zero’ e portarlo a compimento almeno nella parte relativa al raggiungimento del 70/80% di differenziata. Come al solito andrò controcorrente, ma credo che senza togliere meriti agli altri due, Claudio Scajola possa rappresentare in questo momento la scelta migliore per portare a compimento l’opera”.

“Pertanto chiedo pubblicamente a Claudio Scajola – termina Antonio  Russo - di mettere al primo punto del suo programma l’avvio immediato della strategia Rifiuti Zero seguendo il percorso denominato 10 Passi verso Rifiuti zero: separazione alla fonte, raccolta porta a porta, compostaggio, riciclaggio, riduzione dei rifiuti, riuso e riparazione, tariffazione puntuale, recupero dei rifiuti, centro di ricerca e riprogettazione ed azzeramento rifiuti. Da parte mia mi rendo fin da subito disponibile a partecipare a tutti gli atti conseguenti, a cominciare dalla stesura del programma elettorale da presentare alla città, per continuare poi, all’indomani della sua elezione a sindaco di Imperia, a collaborare in maniera fattiva alla sua concreta attuazione”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium