/ Attualità

Attualità | 27 marzo 2018, 19:03

A Carpasio dal 1° aprile scatterà la raccolta porta a porta, nessun kit per la differenziata a chi è in ritardo sui pagamenti della spazzatura - VIDEOSERVIZIO

Non sarà un passaggio indolore per Carpasio. In allegato con l'articolo l'opuscolo informativo per conoscere come differenziare e quando conferire i rifiuti.

A Carpasio dal 1° aprile scatterà la raccolta porta a porta, nessun kit per la differenziata a chi è in ritardo sui pagamenti della spazzatura - VIDEOSERVIZIO

Dal 1º aprile la raccolta differenziata porta a porta scatterà anche a Carpasio. Una piccola rivoluzione per i carpasini del neonato comune di Montalto Carpasio. Il commissario prefettizio Fernando Colangelo, ha introdotto la novità all'interno di una partecipata assemblea cittadina. Insieme a lui erano presenti anche i due ex sindaci Mariano Bianchi e Claudio Seravalli, con loro c'era Matteo Mambrin, rappresentante di Energetica Ambiente. 

VIDEOSERVIZIO




Non sarà un passaggio indolore per Carpasio ma le autorità sono convinte che con il tempo la gente si adatterà al nuovo sistema. A testimoniare la possibile difficoltà ci sono le numerose discariche abusive a lato dei bidoni sparsi per la strada che conduce al paesino ma anche uno dei provvedimenti introdotto con il nuovo regolamento comunale per la raccolta porta a porta.

Un dato su tutti,  a Carpasio ci sono molte persone che non hanno pagato la tassa dei rifiuti. A questi morosi non verrà consegnato il kit per la differenziata fino a quando non si metteranno in regola. Questo comporterà che la loro spazzatura non sarà ritirata e che potrebbero essere perseguiti se pizzicati a lasciare immondizia per strada.

Una presa di posizione dura ma necessaria, come il nuovo servizio di raccolta della spazzatura. I carpasini, i turisti ed i proprietari di seconde case dovranno familiarizzare quanto prima con la nuova gestione. Da aprile, verranno rimossi tutti i bidoni collocati sulla strada. Gli abitanti dovranno utilizzare il mastello dato in dotazione ed usufruire dei diversi sacchetti colorati presenti nel kit: quello marrone di carta per il sumus, quello giallo per la plastica e quello verde per l’indifferenziata. Vetro e carta potranno essere lasciati in strada, differenziati ma in qualsiasi sacchetto a disposizione.

“In questa fase non abbiamo aumentato i costi del servizio (e quindi la ricaduta sulle famiglie ndr) lo prevede la legge regionale ma anche il buon senso. - sottolinea il Commissario Prefettizio Colangelo - Dal 1° aprile gli abitanti di Carpasio saranno in grado di fare la raccolta porta a porta. Alla azienda che si occupa della raccolta abbiamo ceduto dei mezzi del comune. Questo ha comportato un abbattimento dei costi perché non hanno dovuto noleggiarli. Ci sarà una riduzione sensibile di spesa, tanto per le famiglie quanto per le attività commerciali”.

Tra i presenti, in molti hanno storto il naso di fronte alla notizia dell’eliminazione dei cassonetti. “I cambiamenti spaventano sempre un po’ ma non era possibile fare diversamente. L’attuale servizio di raccolta non andava bene. Solo togliendo i cassonetti le persone si sentiranno meno giustificate a sporcare. I rifiuti andranno lasciati in strada dalle 22 alle 8, un orario che dovrebbe garantire un maggior decoro urbano. La spazzatura verrà prelevata tra le 8 e le 11” - ha precisato Mambrin per Energetica Ambiente.

Diverse le perplessità sollevate, in particolare da chi abita lontano dal centro abitato di Carpasio. Il ‘porta a porta’ non potrà arrivare proprio in tutte le case. A queste famiglie gli amministratori hanno chiesto di confrontarsi con il Comune per rendere note eventuali problematiche e trovare insieme una soluzione.

Dove sarà possibile, nelle zone più impervie, verranno collocati dei cassonetti di prossimità, apribili con una chiave. In più a chi si troverà ad almeno 500 metri da questa soluzione di ripiego saranno garantiti ulteriori sgravi economici, non potendo usufruire totalmente del servizio.

Oltre a questo, gli amministratori di Montalto Carpasio hanno deciso di non eliminare l’isola ecologica di Desteglio, sulla SP 548, subito dopo Badalucco, al bivio per Montalto-Carpasio. Lì, esiste un’area di conferimento videosorvegliata che presto sarà ampliata, soprattutto per venire incontro ai proprietari di seconde case e turisti. In questo modo, queste persone potranno conferire la spazzatura prima di andarsene via dalla valle Argentina. 

Files:
 raccolta porta a porta carpasio 27mar2018 (2.4 MB)

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium