/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 19 marzo 2018, 19:28

Camporosso: il 21 marzo giornata in ricordo delle vittime di mafia, una mattinata con le scuole del comprensorio per non dimenticare

“Terra. Solchi di verità e giustizia” è il tema che accompagnerà in tutta Italia questa giornata commemorativa.

Camporosso: il 21 marzo giornata in ricordo delle vittime di mafia, una mattinata con le scuole del comprensorio per non dimenticare

Il 21 marzo, il Comune di Camporosso aderirà alla XXIII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata dalla rete di Libera e da Avviso Pubblico sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Nell’Arena di Bigauda, dalle 9.15, si alterneranno sul palco gli studenti dell'Istituto Comprensivo della Val Nervia, di Vallecrosia, delle scuole Biancheri e Cavour di Ventimiglia, del Liceo Aprosio e i rappresentanti dei Consigli Comunali dei Ragazzi di Imperia, Vallecrosia e Ventimiglia e i membri dei Presidi di Libera “G.Montalbano” del Liceo Vieusseux e “Hyso Telharaj” di Ventimiglia. 

“Terra. Solchi di verità e giustizia” è il tema che accompagnerà in tutta Italia questa giornata commemorativa. Un appuntamento che ogni 21 di marzo richiama alla memoria senza alcuna distinzione tutte le vittime della violenza mafiosa, rinnovando nel loro nome l’impegno contro le mafie e la corruzione. L'iniziativa che si svolgerà a Camporosso sarà in collaborazione con il Coordinamento Provinciale di Libera.

"Protagonisti dell’intera mattinata saranno i giovani che avranno così l’occasione di presentare i risultati di alcune delle numerose attività di formazione alla Legalità e alla Giustizia in cui i docenti, le scuole e gli altri enti impegnati da anni nel territorio li coinvolgono costantemente per accompagnarli attraverso un percorso di consapevolezza e responsabilità verso una società più giusta e democratica in cui tutti speriamo. - sottolineano gli organizzatori - Alle ore 11, come in tutta Italia, in contemporanea con la manifestazione nazionale di Foggia e quella regionale di Sarzana, saranno ancora i ragazzi presenti a dare lettura dell’elenco dei nomi delle Vittime Innocenti delle Mafie: un elenco troppo lungo, di quasi mille nomi e cognomi, per farli vivere ancora, per non farli morire mai".

"Per farli esistere nella loro dignità e per rinnovare l’impegno per la legalità e la giustizia in loro nome. Per essere accanto alle famiglie delle vittime delle quali oltre il settanta per cento non conosce la verità sulla morte dei propri cari" - chiosano. 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium