/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 18 marzo 2018, 07:11

Pieve di Teco: la bassa valle Arroscia presto potrebbe essere collegata con Imperia grazie all'accordo tra Rt e comuni dell'entroterra

Un momento storico, soprattutto per gli studenti della valle finora costretti a frequentare le scuole ad Albenga o ad Alassio, ma anche per chi necessita di visite in ospedale o di recarsi negli uffici pubblici

Pieve di Teco: la bassa valle Arroscia presto potrebbe essere collegata con Imperia grazie all'accordo tra Rt e comuni dell'entroterra

La bassa valle Arroscia potrebbe essere presto maggiormente collegata con Imperia grazie al possibile accordo tra i comuni e la Riviera Trasporti, che sta vagliando di fornire in futuro all’entroterra una nuova corsa al mattino che arrivi alle 7 a Pieve di Teco, da dove parte il bus per il capoluogo.

Un momento storico, soprattutto per gli studenti della valle finora costretti a frequentare le scuole ad Albenga o ad Alassio, ma anche per chi necessita di visite in ospedale o di recarsi negli uffici pubblici. Diritti come il pendolarismo scolastico o la possibilità di accedere alle strutture pubbliche finora non sono stati garantiti a tutti i cittadini, ma ora l’azienda, tramite un piano di riallocazione delle risorse, ha varato il piano per collegare finalmente la valle con Imperia.

Tutto questo avrà un prezzo, anche se contenuto, almeno nelle intenzioni, in termini di tagli ad altre corse, sempre nell’entroterra. Rt ha individuato un paio di tratte quasi per niente frequentate, una a Rezzo, un’altra nell’alta valle Arroscia, corse in cui spesso il numero di passeggeri è uguale a zero.

Di questo si è parlato all’assemblea della Riviera Trasporti a cui hanno partecipato, oltre ai vertici della società, anche il presidente della Provincia Fabio Natta e i sindaci dell’entroterra che hanno affrontato anche la questione relativa al collegamento con Ormea, dove d’estate si interrompe il servizio fornito da Rt Piemonte. L’azienda ligure, nel corso dell’assemblea ha promesso uno sforzo per provare a prendere in gestione il servizio d’estate, ma fondamentale in questo sarà il ruolo che giocherà la Regione nel fornire nuovi finanziamenti.

E’ stato un primo approccio per cercare di capire come migliorare il servizio, riorganizzando orari e corse”, commenta il presidente Rt Riccardo Giordano a Sanremo News.

La coperta, come si suol dire, è corta e Rt deve fare i conti con una sentenza esecutiva che la condanna a sborsare oltre due milioni di euro per la contrattazione integrativa negata ai dipendenti.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium