/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | giovedì 08 marzo 2018, 16:52

Imperia: occupano un'abitazione e vengono accusati di furto, ma era stato commesso da due loro amici

Grazie alle approfondite verifiche effettuate dagli Agenti della Squadra Volante, infatti, altri due soggetti, entrambi imperiesi, sono stati individuati e denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per concorso in furto aggravato.

Non è stato convalidato dal Giudice Massimiliano Botti, l’arresto effettuato la scorsa notte dagli agenti della Squadra Volante della Questura, nei confronti di un uomo, M.G. di 49 anni, ed una donna N.F. 51, entrambi italiani, che avevano occupato una casa ad Imperia in via Monte Calvario, di proprietà di una famiglia genovese.

I due sono stati arrestati per furto con scasso ma, questa mattina il loro avvocato Cristian Urbini, ha dimostrato che non avevano rubato nulla ma solo occupato l’abitazione. Proprio per questo il Giudice non ha convalidato l’arresto. Il furto era stato commesso da altre due persone, conoscenti della coppia.

L’appello che il Questore Cesare Capocasa ha fatto sin dal suo insediamento è stato: “chiamateci sempre!”. Ed è quello che hanno fatto due solerti cittadini di Imperia che, nella tarda matttinata di ieri, hanno allertato la Polizia di Stato segnalando, nei pressi dell’abitazione di una loro conoscente, la presenza sospetta di un uomo e di una donna. Gli 'intrusi', all’arrivo della Volante si erano già dileguati, ma gli Agenti, dopo aver effettuato un sopralluogo accurato e dettagliato, non si sono persi d’animo: hanno da subito intuito che i due ladri, oltre a rovistare nell’appartamento, lo avevano occupato abusivamente. Abiti, candele consumate (ed utilizzate senza ricorrere all’illuminazione dell’immobile per non essere notati), resti di cibo e altri dettagli, hanno spinto gli uomini della Squadra Volante a non demordere, ed attendere un loro eventuale ritorno.

Ed infatti, poco dopo, i due 'inquilini abusivi', rientrati nell’appartamento,  non hanno potuto fare altro che ammettere le loro colpe e sono stati quindi tratti in arresto per furto aggravato in concorso ed indagati per il reato di occupazione abusiva di edifici. Le indagini, condotte sin da subito dai Poliziotti dell’Ufficio Generale e Soccorso Pubblico hanno consentito, però, di individuare una vera e propria banda di professionisti. Ispezionando attentamente lo smartphone in uso all’uomo tratto in arresto, è stato possibile ricostruire la rete dei complici e, probabilmente, la dinamica di numerosi furti avvenuti nelle settimane scorse nell’entroterra imperiese. Grazie alle approfondite verifiche effettuate dagli Agenti della Squadra Volante, infatti, altri due soggetti, entrambi imperiesi, sono stati individuati e denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per concorso in furto aggravato.

I due fermati, che hanno da tempo stretto un sodalizio criminoso proprio con l’arrestato, comprovato da fitti e continui scambi di sms e messaggi audio inequivocabili, hanno contribuito a depredare l’abitazione nella quale la coppia si era, da alcuni giorni, introdotta, asportando, tra gli altri, un televisore ed altri oggetti di valore. A conferma del bottino raccolto, alcune foto che i due hanno scattato subito dopo aver commesso il fatto e che li ritraggono con la refurtiva occultata in grandi sacchetti di plastica. Le perquisizioni, effettuate nella tarda serata di ieri, hanno ulteriormente confermato la responsabilità dei quattro.

Nell’abitazione di E.M., classe ’99, giovane pluripregiudicato imperiese, sono stati infatti rinvenuti il televisore ed altra refurtiva, nonché una pistola giocattolo priva del tappo rosso. Il secondo dei complici, S.A., classe ’99, di recente denunciato dalla Squadra Volante per danneggiamento a bordo di un autobus RT, ha fornito preziose informazioni al vaglio degli inquirenti, che confermerebbero la “professionalità” della banda, pronta a mettere a segno altri colpi, forse utilizzando proprio quella pistola giocattolo del tutto simile a quelle in dotazione alle forze di polizia e immediatamente sequestrata.

Lo scambio dei messaggi che i componenti della banda si erano inviati nelle ultime ore, facevano infatti chiaramente riferimento ad una abitazione da poco “selezionata” dai quattro e alla quale, a breve, avrebbero fatto “visita”. A carico dei due soggetti arrestati è stato emanato un foglio di via obbligatorio a firma del Questore, impedendogli così di far ritorno nella città di Imperia per 3 anni.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore