/ POLITICA

POLITICA | giovedì 22 febbraio 2018, 21:37

I candidati alle politiche ospiti al dibattito di Confcommercio Imperia. Piccole-medie imprese, commercio ed economia territoriale gli argomenti principali

Tra le domande poste ai candidati: visione in materia fiscale per evitare elusione e soluzioni per le piccole e medie imprese sul territorio, sicurezza, opere viarie e supporto della politica verso l’impresa 4.0

I candidati alle politiche ospiti al dibattito di Confcommercio Imperia. Piccole-medie imprese, commercio ed economia territoriale gli argomenti principali

Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Imperia ha organizzato un incontro dibattito con candidati alle elezioni politiche 2018 presso l’Auditorium della Camera di Commercio di Imperia.

Hanno partecipato al dibattito i candidati Massimiliano Iacobucci (Fratelli d’Italia), Giorgio Mulè (Forza Italia),  Flavio Di Muro (Lega), Mario Giribaldi (Liberi e Uguali), Massimo Conio (Movimento 5 Stelle) e Anna Giacobbe (Pd). La discussione è stata moderata da Luigi Leone, editorialista di Primocanale e da Daniele La Corte, giornalista e scrittore.

Ad introdurre la serata il presidente provinciale di Confcommercio, Enrico Lupi: “Abbiamo voluto questa iniziativa perché la vediamo come un impegno civile, le elezioni politiche sono un avvenimento determinante per la vita delle persone e delle imprese. Una campagna elettorale ad oggi non molto ‘spumeggiante’ a mio avviso, col pericolo dell’astensionismo. Il nostro impegno questa sera va in due direzioni: stimolare tutti gli imprenditori presenti che faranno da cassa di risonanza poi all’esterno e dare la possibilità ad ognuno di valutare gli interventi di ogni esponente che ringrazio per aver accettato il nostro invito. I temi che ci riguardano sono le piccole-medie imprese, l’economia della nostra provincia, commercio, turismo e servizi”.

Tra le domande poste ai candidati è stato chiesta la visione in materia fiscale per evitare elusione e soluzioni per le piccole e medie imprese sul territorio, sicurezza, opere viarie e supporto della politica verso l’impresa 4.0, eliminazione degli aumenti dell’Iva previsti per il 2019, riforma dell’Irpef con la ‘no tax area’ e un piano strategico per contrastare il fenomeno dell’abusivismo.

In materia di lavoro, Confcommercio conferma la necessità di mantenere alcune importanti novità introdotte dal Jobs Act, come la flessibilità del lavoro, la riforma degli ammortizzatori e il bilanciamento delle politiche attive e passive, ma ritiene indispensabile proseguire nella riduzione strutturale del costo del lavoro e individuare uno strumento per il lavoro occasionale in grado di colmare il vuoto generato dall’abolizione dei voucher che sia semplice e utilizzabile da tutte le imprese.

Andrea Gavi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore