/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 22 febbraio 2018, 14:12

Fauna Selvatica: Regione Liguria, Assessore Mai “Ennesimo schiaffo del Governo agli agricoltori”

"Non rispettate le richieste della conferenza stato regioni e commissione politiche agricole"

Stefano Mai

«Abbiamo appreso questa mattina l'impugnativa da parte del governo della legge regionale che prevedeva, come già avviene in altre 15 regioni, il ricorso di volontari con licenza venatoria per il controllo della fauna selvatica. È una sentenza politica, la seconda in pochi mesi: uno schiaffo alle richieste del mondo agricolo che chiedono da mesi questa misura per fronteggiare i danni alle loro produzioni. Il governo è evidentemente sordo e latitante verso le richieste degli agricoltori liguri. Non solo: neppure rispetta il parere unanime espresso dalla commissione politiche agricole e Conferenza Stato Regioni che, lo scorso giugno, aveva approvato un ordine del giorno urgente sulla richiesta di modifica all'articolo 19 della legge 157/1992 sul controllo della fauna selvatica». Lo dichiara Stefano Mai, assessore regionale alla Caccia, dopo l'ultima decisione del governo di impugnare la legge regionale della Liguria in tema del controllo della fauna selvatica, in particolare del cinghiale.

«I soggetti volontari – continua l'assessore Mai – adeguatamente formati e in possesso di licenza venatoria sono assolutamente indispensabili nell'attività di contenimento dei cinghiali, visti i tagli al personale delle ex Province e a seguito della soppressione del corpo Forestale dello Stato. Come Regione Liguria siamo stati “apri pista” per una revisione normativa che va incontro alle legittime istanze del mondo agricolo: l'ordine del giorno approvato dalla Conferenza Stato Regioni, da noi fortemente voluto, ha trovato la condivisione convinta di altre regioni, che si trovano in forte difficoltà come la Liguria. Abbiamo chiesto al governo un intervento, con un decreto legge, nella modifica all'articolo 19 della legge 157 del 1992, ma ogni strada che abbiamo tentato di percorrere, nell'esclusivo interesse degli agricoltori liguri, si è conclusa con un muro. È evidente che a questo governo Pd non interessi tutelare le nostre produzioni, difendere il nostro entroterra dai rischi anche di dissesto provocati dai cinghiali e aiutare le aziende agricole a lavorare in tranquillità”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore