/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 22 febbraio 2018, 18:58

Aperto a Taggia il primo tavolo del turismo con i comuni vicini: presto un protocollo d'intesa ed in cantiere numerose idee per valorizzare il territorio

L'amministrazione comunale di Taggia ha fatto gli onori di casa, proponendo l'uso condiviso dello Iat e molto altro... trovando il plauso dei tanti amministratori intervenuti.

Turismo&manifestazioni, Taggia chiama ed i Comuni vicini rispondono. Oggi nel municipio di via San Francesco c’è stato il primo tavolo del turismo, dopo l'invito avanzato dall’amministrazione Conio. Per la prima volta dopo tanti anni si sono seduti allo stesso tavolo i borghi e le realtà che caratterizzano costa ed entroterra intorno a Taggia.

Erano presenti come padroni di casa il sindaco Mario Conio, l’assessore al turismo Barbara Dumarte, Daniela Marchi (istruttrice amministrativa dell’ufficio turismo) e Roberta Borioli (referente per il Comune). Intorno a loro: Cristian Alberti, vicesindaco di Triora; Marcello Moraldo e Manuela Sasso, sindaco e vicesindaco di Molini di Triora; Claudio Seravalli, delegato per il nuovo comune Montalto-Carpasio, attualmente amministrato dal commissario prefettizio Fernando Colangelo; Valerio Ferrari, sindaco di Terzorio; Elio Di Placido, sindaco di Santo Stefano al Mare; Pasquale Restuccia, sindaco di Pompeiana; Giovanni Valenzano e Maurizio Caviglia, vicesindaco ed assessore di Ceriana; Francesco Laura, sindaco di Bajardo. Alla riunione hanno partecipato anche: Paolo Raibaudo, presidente del Consorzio Valle Argentina, accompagnato dal consigliere Giampiero De Zanet. Assenti invece i comuni di Riva Ligure e Badalucco.

Quello odierno è stato un primo incontro per gettare le basi necessarie a creare una coalizione tra i comuni finalizzata a migliorare l’appeal turistico di questi territori. L’assessore Dumarte ha fatto gli onori di casa, spiegando le intenzioni: “Chiediamo a voi che avete più esperienza come poter creare il giusto connubio tra i Comuni per dare un’offerta turistica che non sia limitata al solo mare ma che porti i turisti a scoprire le bellezze a 360 gradi di questo territorio”.

Taggia accoglie i suoi vicini a braccia aperte, un concetto ribadito dal sindaco Conio: “L’idea di collaborare insieme la vogliamo portare avanti. Noi siamo ancora giovani e voi siete dei precursori. Ci interessa promuovere il territorio. Arricchiamo la proposta turistica di questa zona facendo conoscere le tante realtà alle nostre spalle, nella Valle Argentina e non solo”.

Gli amministratori di Taggia chiedono collaborazione e propongono la condivisione dello IAT di Villa Boselli, nel cuore di Arma ed in una posizione centrale strategica per tutti gli alti comuni coinvolti. L’idea è di ospitare, presso lo sportello per l’informazione e l’accoglienza turistica, i materiali di tutti i comuni che decideranno di seguire questo cammino condiviso. In cambio, l'amministrazione chiede collaborazione per mantenere l'ufficio aperto il più possibile. 

Un primo passo ma ci sono anche molte altre idee sul tavolo. Il Presidente del Consorzio Valle Argentina, Paolo Raibaudo ha già preso in considerazione alcune possibilità: “Un’idea è di dare vita ad un servizio di trasporto che porti le persone a conoscere la vallata e gli altri paesini. Ognuno di noi ha una qualche peculiarità. Pensiamo a Carpasio con la sua lavanda, Molini con i suoi ‘molini’, Triora con le streghe, Pompeiana con il Sito di Importanza Comunitaria e Prau Grande. Intanto c’è necessità di produrre anche materiale cartaceo informativo in lingua straniera. Poi si potrebbero creare escursioni guidate proposte dalle spiagge, a tema, ogni settimana verrebbe dedicata ad un borgo”.

Per Valenzano il problema principale è un altro:I turisti che vengono qui non conoscono l’entroterra. I turisti della costa non vanno alla scoperta dei borghi. Bisogna andarseli a prendere, incuriosendoli, facendogli conoscere il territorio con qualche pacchetto interessante magari puntando sull’enogastronomia”.

Gli amministratori oggi presenti sono gli ambasciatori di un territorio ricco di eccellenze uniche in questo settore. Un aspetto noto ma che Taggia vorrebbe valorizzare. Il sindaco Conio ha proposto ai rappresentanti dei borghi di fruire dello IAT ma a messo a disposizione anche lo spazio dell’ex mercato di Taggia, non appena sarà ultimato, per la rivendita di questi prodotti unici e rinomati. L’altra possibilità riguarda una manifestazione itinerante che ospiti su Arma gli stand con i prodotti enogastronomici di questi territori.

La quadra sull’iter da seguire la offre il sindaco di Molini, Marcello Moraldo: “Vogliamo collaborare? Bene, allora facciamo un protocollo d’intesa tra i Comuni. Partiamo da qui e poi mettiamo in cantiere le idee”. La proposta ha trovato il pieno consenso dei presenti. Gli amministratori hanno scelto la via della collaborazione per un’offerta turistica che sia condivisa e non mirata alla concorrenza tra le varie realtà, con l’intento di guidare il turista a vivere e conoscere non solo il mare ma tutto il territorio che c’è intorno

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore