/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 21 febbraio 2018, 16:22

Sanremo: i ragazzi del Liceo 'Cassini' hanno partecipato all'incontro organizzato da 'Libera'

Oltre all’associazione antimafia Libera, hanno presenziato due importanti simboli della lotta alle associazioni mafiose: Rocco Mangiardi, autore della raccolta di poesie intitolata “Poesie d’amore, di fede e di ciarpame”, ed i genitori del piccolo Dodò, bambino ucciso a soli 11 anni dalla mafia.

Sanremo: i ragazzi del Liceo 'Cassini' hanno partecipato all'incontro organizzato da 'Libera'

Il Liceo 'G.D. Cassini' di Sanremo ha partecipato oggi all’incontro, organizzato dall’associazione antimafia 'Libera', che si è svolto nella sala Ninfea del Palafiori di Sanremo e che ha visto come protagonisti i ragazzi dei licei. Il tema cardine della mattinata è stata la lotta alle mafie e all’illegalità.

Oltre all’associazione antimafia Libera, hanno presenziato due importanti simboli della lotta alle associazioni mafiose: Rocco Mangiardi, autore della raccolta di poesie intitolata “Poesie d’amore, di fede e di ciarpame”, ed i genitori del piccolo Dodò, bambino ucciso a soli 11 anni dalla mafia. I ragazzi hanno avuto l’opportunità di ascoltare testimonianze di chi, personalmente, ha subito delle perdite e di chi ha avuto il coraggio di “dire no” a pizzo e minacce.

“È necessario vivere senza vergogna e lottare per ciò che più c’è caro”: in questa sua frase potremmo riassumere il coraggio di Mangiardi, un uomo che ha deciso di mettere tutto a rischio pur di combattere il fenomeno mafioso. Il coraggio di indicare con un dito chi lo aveva minacciato con un fucile. “Il nostro dito di cittadini responsabili puntato ad indicare il mafioso è più forte delle loro armi". L’incoraggiamento verso dei giovani fatto da un padre di famiglia perché questi non si sottomettano alla “tassa sulla paura”e perché “non c’è differenza tra corrotto e mafioso”.

I genitori di Dodò sono le testimonianze viventi di come brutalmente colpisca e danneggi la mafia. “Colpire i bambini è l’offesa più grande fatta alla vita”, così recitava il video che ricordava il piccolo Dodò, e così hanno voluto ricordare i suoi genitori. Solo ricordando faremo vivere le vittime innocenti, e solo così combatteremo questa “piovra radicata nel mondo che è la mafia”.

Ufficio Stampa Liceo G.D. Cassini Sanremo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium