/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | martedì 20 febbraio 2018, 15:04

Sanremo: il Tar dà ragione alla 'Casbah', nel 2013 non era legittimo il provvedimento di chiusura

A confermarlo al nostro giornale il proprietario del locale, Mohamed El Farhi. La chiusura di 10 giorni venne disposta da Pasquale Zazzaro, allora Questore di Imperia, visti i controlli eseguiti nel locale che si trova in via Romolo Moreno.

Non era legittima la chiusura disposta a fine 2013, dal Questore di Imperia, del ristorante ‘La Casbah’, nella Pigna. E’ quanto ha stabilito il Tar della nostra regione. A confermarlo al nostro giornale il proprietario del locale, Mohamed El Farhi. La chiusura di 10 giorni venne disposta da Pasquale Zazzaro, allora Questore di Imperia, visti i controlli eseguiti nel locale che si trova in via Romolo Moreno.

Alcuni giorni prima, infatti, si era registrata una rissa nelle strade del centro storico e, secondo quanto emerso dalle indagini, alcuni pregiudicati stranieri vennero visti entrare nel locale. Secondo l’ordinanza della Questura il locale sarebbe stato “Luogo di ritrovo non occasionale di persone con precedenti penali e dedite allo spaccio ed al consumo di droga, che poteva costituire pericolo per la sicurezza dei residenti”.

Sia i proprietari che i residenti del quartiere si erano opposti all’ordinanza ed ora il Tar ha dato ragione al titolare. Secondo il Tribunale Amministrativo ligure il locale non sarebbe invece stato punto di ritrovo abituale di un gruppo di pregiudicati, ma si tratterebbe di presenze apparentemente occasionali. Inoltre lo stesso tribunale ha evidenziato l’impegno del titolare de ‘La Casbah’ per la rinascita del quartiere ed il contrasto alle attività criminose, anche con l’installazione di quattro telecamere all’esterno del ristorante e le molte segnalazioni alle forze dell’ordine.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore