/ EVENTI

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | lunedì 19 febbraio 2018, 16:47

Anche il Comune di San Biagio della Cima aderisce a “M’illumino di Meno 2018”

In questo 2018 è stato scelto il 23 Febbraio, il giorno della ricorrenza del Protocollo di Kyoto, il primo accordo globale della storia tra Paesi sovrani con l’obiettivo di limitare le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera e combattere il riscaldamento globale.

L’iniziativa simbolica consiste nello spegnimento delle luci meno indispensabili dalle 18, ha preso avvio nel 2005 e giunge alla sua 14a edizione.In questo 2018 è stato scelto il 23 Febbraio, il giorno della ricorrenza del Protocollo di Kyoto, il primo accordo globale della storia tra Paesi sovrani con l’obiettivo di limitare le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera e combattere il riscaldamento globale. Si spegneranno le luci delle piazze italiane e di monumenti come la torre di Pisa, il Colosseo, il Quirinale e altri palazzi simbolo d’Italia.

Anche il comune di San Biagio della Cima aderisce all’iniziativa, con lo spegnimento dei fari situati nel paese e con lo spettacolo “Splendore nel Buio” organizzato per il pomeriggio di Domenica prossima. All’interno del centro polivalente “Le Rose” l’Associazione Stellaria porterà il suo planetario digitale, una grande cupola al cui interno viene fedelmente riprodotto il cielo stellato.

Lo spettacolo, dalla durata di circa 30 minuti sarò ripetuto dalle 15:30 alle 18:30 e permetterà ai visitatori di tutte le età di (ri)scoprire lo spettacolo del firmamento ormai troppo spesso nascosto dalle luci artificiali. Biglietto intero 3 euro, ridotto (fino ai 10 anni) 2 euro. L’Italia è infatti una delle nazioni con più inquinamento luminoso, ovvero la diffusione di luce artificiale al di fuori delle aree dove realmente è necessaria. Si tratta di unn importante problema ecologico ed economico.

​- ​Ecologico perché letteralmente cancella il cielo stellato, togliendoci il piacere ed il diritto di poter osservare l’universo, modifica i ritmi circadiani degli esseri viventi, basati sull’alternanza giorno-notte, disturbando molte specie animali e aumenta il consumo di energia elettrica con il conseguente aumento di CO2 e gas inquinanti rilasciati in atmosfera:
- ​Economico, perché impianti adatti potrebbero focalizzare la luce solo dove è necessaria, permettendo l’uso di lampade meno potenti e con richieste energetiche più basse portando importanti riduzioni sulla bolletta elettrica. In media il 30-40% della luce prodotta dagli attuali impianti di illuminazione viene dispersa verso il cielo, quindi letteralmente sprecata.

L’amministrazione di San Biagio ha già adeguato una parte dei suoi impianti riuscendo ad ottenere notevoli risparmi utilizzando nuove lampade a LED e ottimizzando il flusso luminoso dove realmente necessario.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore